domenica, Agosto 25, 2019
Home > Attualità > Liguria: alla moda o no?

Liguria: alla moda o no?

Sono quasi 1.300, in Liguria, le imprese attive nel settore moda, tra produzione, commercio e design, sulle 224 mila che esistono in Italia, secondo i dati del Servizio Studi e Statistica della Camera di commercio di Milano, su fonte registro imprese e Aida – Analisi informatizzata delle aziende italiane -. Occupano, da noi,  7.800 addetti su 846 mila in Italia. La Liguria non brilla particolarmente per quanto riguarda le aziende di produzione (tessili, abbigliamento, pelletteria e calzature), con 805 imprese di cui quasi i due terzi (528) in provincia di Genova e 108 nel Savonese (93 Imperia, 76 La Spezia). Anche nel design le imprese liguri non sono ai vertici, con 303 imprese, di cui 173 a Genova, 47 a Savona, 46 a La Spezia e 37 a Imperia.

Numerose invece (2.827) le attività commerciali, sia all’ingrosso (357) sia al dettaglio (2.827), con Genova che, da sola, comprende la metà del totale ligure. In provincia di Savona i grossisti di abbigliamento e calzature sono 27 mentre il dettaglio conta 633 esercizi specializzati con poco più di 1.250 addetti su un totale di 1.461 dipendenti dell’intero settore moda-design. Carla Quaglia è una tra le più affermate creatrici di moda savonesi e può essere contata tra i grandi nomi della maglieria e del cachemire.

Il settore della moda in Italia comprende 224 mila imprese con 846 mila addetti e un fatturato di circa 110 miliardi. Il settore manifatturiero tra tessili, abbigliamento, pelletteria e calzature, conta su oltre 82 mila imprese, quasi 18 mila si occupano di design e oltre 120 mila operano nel commercio. Se Napoli (con 21 mila attività), Roma (15 mila) e Milano (13 mila) sono prime per numero totale di imprese coinvolte nel settore, Firenze e Prato sono ai vertici, a livello nazionale, imprese specializzate del manifatturiero con circa 6.500 presenti in ognuna. Napoli e Roma, con, rispettivamente, circa 15.600 e 11.400 imprese. detengono il primato nel commercio mentre il design è agiudicato da Milano e Torino, con 1.900 e 1.200 imprese. Milano, la capitale della moda,  è ovviamente ma per giro d’affari con oltre 21 miliardi, il 20% nazionale, seguita da Vicenza e Firenze con circa 7 miliardi per ciascuna città.

Nella foto, una sala del “Museo Privato della Moda” di Sanremo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *