martedì, dicembre 18, 2018
Home > Attualità > Liguria: il pesto piace come il mare – e come i monti! –

Liguria: il pesto piace come il mare – e come i monti! –

Anche nella nostra regione, come il resto d'Italia, la gastronomia è ai primi posti


di GIORGIO SIRI - 11 ottobre 2018, 12:02

Da un’indagine condotta da Isnart-Unioncamere risulta che, nel 2017, i turisti che hanno visitato l’Italia hanno messo al primo posto, tra le motivazioni del soggiorno, l’acquisto e la degustazione delle eccellenze della gastronomia, divenuta uno uno dei punti di forza dell’identità nazionale e uno tra i principali motori dell’economia italiana: da solo è in grado di attivare una spesa che supera i 12 miliardi di euro, il 15% della spesa turistica complessiva.

E la Liguria? Nella nostra regione, conformemente ai numeri nazionali, secondo i dati dell’ Osservatorio Turistico Regionale, si stima che la spesa effettuata dai turisti nel periodo estivo del 2017 sia ammontata a 5 miliardi e 644 milioni di euro, attivando una produzione di beni e servizi sul territorio pari a 6 miliardi e 410 milioni di euro, a cui si devono aggiungere altri 6 miliardi e 705 milioni di euro di produzione nazionale ricavati dalle importazioni di prodotti e semilavorati da altre regioni. Il Pil del turismo risulta pari a 3 miliardi e 742 milioni di euro e rappresenta il 7,5% del Pil regionale.

La spesa in acquisti agroalimentari comprende il 12% della spesa turistica complessiva  e giunge al 14,8% per i turisti che alloggiano in abitazioni private, superando la spesa per abbigliamento (9,5%), ed i prodotti di altre industrie manifatturiere come gioiellerie, igiene personale, accessori ed altro che si attestano al al 6,1%, bar, caffè e pasticcerie (5,4%) e trasporti (1,9%). Nella graduatoria delle attività svolte durante il soggiorno in Liguria, l’enogastronomia figura al 2° posto dopo le escursioni; circa un turista su 4 ne ha segnalato l’interesse, sia sotto forma di partecipazione ad eventi enogastronomici (13,0%) sia di degustazione di prodotti locali (12,8%). Per gli stranieri la percentuale sale al 26,2% mentre per gli italiani è al 25,5%.

Forte, quindi, l’interesse per la buona tavola, grande passione per i piatti tipici e per le produzioni locali di eccellenza. E l’enogastronomia figura tra i prodotti individuati dalla Regione nel Piano del Turismo 2020; oltre 170 fra enti e associazioni imprenditoriali liguri hanno sottoscritto il Patto per lo sviluppo strategico del turismo, con l’obiettivo di diversificare e destagionalizzare gli arrivi, coinvolgendo costa ed entroterra in un unico sistema turistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *