Attualità

Liguria Pride: chi c’era e chi no

Qualche migliaio di persone ha partecipato al “Gay Pride” genovese di
sabato scorso, con madrina Alba Parietti. Hanno sfilato anche l’ex
sindaco Marco Doria e l’ex assessore Elena Fiorini.

Mancanza notata e rimarcata quella della nuova Giunta “in pectore” e del
neosindaco appena eletto.Così come nessuno dei membri della giunta Toti
vi ha partecipato. L nuova giunta comunale, si dice, si avvierà verso
una strada decisamente indirizzata alla difesa della famiglia
tradizionale, a partire dalle campagne di educazione all’affettività
nelle scuole. Viene da più parti indicato l’alveo della prossima azione
del Comune, con la legge regionale che ha approvato lo sportello
anti-gender. E viene assicurato che «ogni proposta didattica degli
insegnanti su temi che “intrecciano” la sfera della sessualità dovrà
essere condivisa con tutte le famiglie degli alunni, se anche una sola
di esse sarà contraria, allora si dovrà ridiscutere quella scelta»,
indicano diversi dirigenti del partito di Giorgia Meloni e del futuro
vicesindaco, Stefano Balleari, di Fratelli d’Italia. Condivide, pur in
modo piùsfumato, si apprende,Forza Italia e, con minore convinzione, ma
solo perché considerati temi di secondo piano, la Lega Nord.

«Il patrocinio delle istituzioni per il Coordinamento era un segnale
importante, fondamentale – spiega Federico Caprini Acquarone, del
Coordinamento Liguria Rainbow – non abbiamo mai ricevuto alcun sostegno
economico, ma il patrocinio è un segnale di riconoscimento per la nostra
organizzazione e un impegno, implicito, dell’amministrazione a difendere
i diritti che noi difendiamo, tutti i diritti». Alla vigilia della
marcia, partita sabato scorso dal luogo simbolico della Comunità di San
Benedetto, la “casa” di don Gallo, alle 17,00, e terminata, alle 19,00,
in piazza De Ferrari, è scattato l’attacco da una parte del mondo
anti-gender, contro il Palazzo Ducale e la Fondazione guidata fino a
poche ore fa, prima della scadenza del suo mandato, da Luca Borzani: nel
mirino è entrato il ciclo di incontri “A proposito di gender – Modelli
familiari, ideologie, diritti”, curato da docenti dell’Università di
Genova e organizzato in collaborazione con l’ateneo.

«L’attacco a Palazzo Ducale ci ha colpito molto. Perché quella era una
piazza aperta alla discussione e all’incontro di tutte le idee, senza
preconcetti. Sarà il sindaco Marco Bucci a nominare il prossimo
presidente del Ducale, che imposterà il nuovo corso del Palazzo. Ci
chiediamo quanta voce potranno avere queste tematiche ora, in quel
contenitore culturale», dice Federico Caprini Acquarone. La
manifestazione ” Liguria Pride” o “Che genere di Pride”, come è stata
rinominata, oltre la partecipazione della Parietti, è stata raggiunta
dal viceconsole dell’ambasciata Usa, Rami Shakra. «Rivolgiamo un appello
a Genova – dice Federico Caprini Acquarone – affinché scenda in strada
per i diritti, la solidarietà, l’accoglienza, la Genova che non ha
paura, semina cultura del rispetto e non della diffidenza. Crediamo che
ora, più di prima, vi siano le ragioni per aderire e partecipare al
Liguria Pride, per non lasciare più solo nessun gay, lesbica, genitore,
migrante, contro ogni omofobia e contro chi prova a negare la libertà
degli altri».

Il Sindaco Bucci aveva ribadito la sua intenzione di non patrocinare
manifestazione che ” riguardano solo una parte”; la sua Giunta si
limiterà a permetterle, purchè in sintonia con la legalità.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: