giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Cultura e Musica > "Ligustica": Sergio Palladini a Santa Caterina

"Ligustica": Sergio Palladini a Santa Caterina

Sabato 12 novembre alle ore 17 è stata inaugurata all’Oratorio de’ Disciplinanti del Complesso monumentale di Santa Caterina in Finale Ligure Borgo un’antologica di Sergio Palladini, intitolata emblematicamente “Ligustica” e promossa dalla Regione Liguria e dal Comune di Finale Ligure. Potrà essere visitata fino all’8 gennaio 2012 (ore 15-20, ingresso libero, chiuso il martedì).

Lungo i due piani dell’oratorio viene presentato l’intero percorso dell’artista genovese a partire da alcune carte vellutate degli anni Settanta, dove la carezza del pastello interpreta un onirico scorcio collinare appena rimarcato dal calligrafico transito della china. Nascono così i suoi “paesaggi dell’anima” che si legano indissolubilmente alla terra d’origine. Ha scritto in proposito Luciano Caprile in catalogo: “Con le sue opere Palladini esprime ampiamente tale consapevolezza, che diventa non solo un legame indissolubile di profumi, di sapori, di sensazioni, ma anche una libertà di sguardi rivolti all’infinito”.  In un simile contesto pittorico ed emozionale si inserisce il “Progetto Sbarbaro” costituito da sette pannelli concepiti nel 1988 in collaborazione con Vincenzo Accame; un incontro di “poesia visiva” e di pittura ripetuto otto anni più tardi a proposito dell’ “Omaggio a Eugenio Montale”.  Quindi l’interesse di Sergio Palladini si sposta su Genova, città immaginata e immaginaria, luogo ideale e idealizzato da collocare in uno spazio ascensionale accompagnato da nuvole di leggerezza. Si perviene così alla sua “città ideale” (da riconoscersi in diversi contesti urbani della Liguria), che in tempi più recenti si imbarca su navi e su rimorchiatori per emigrare in rinnovabili desideri. Ultimamente è il cielo a prendere le distanze dalla terra, ad accogliere un tumultuoso divenire di forme: quella Liguria assorbita e conservata nell’anima non ha più bisogno del conforto di un paesaggio reale in cui specchiarsi. La mostra, curata da Luciano Caprile, è accompagnata da un catalogo introdotto dai testi dello stesso Caprile e di Silvio Riolfo Marengo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *