sabato, Maggio 25, 2019
Home > Attualità > L’istituto Martini di Savona presenta il progetto “Wall Bulling” contro il bullismo

L’istituto Martini di Savona presenta il progetto “Wall Bulling” contro il bullismo

E’ stato presentato questa mattina, presso la sala rossa del comune di Savona il progetto “Wall Bulling” contro il bullismo a cura dell’Istituto Martini in collaborazione con l’assessorato alle politiche giovanili e la dottoressa Maura Montalbetti che ha visto i ragazzi impegnati a coprire le scritte sessiste, omofobe e contro le forze dell’ordine presenti in città.

“E’ molto importante che questi temi vengano trattati dai giovani ed occorre altresì combattere sempre di più questa piaga sociale”, ha dichiarato l’assessore alle politiche giovanili Barbara Marozzi, “e serve rispetto verso tutti. I giovani possono portare molti cambiamenti ed il wall bulling, che consiste in scritte sessiste ed omofobiche sui muri, dev’essere combattuto con ogni mezzo”.

Stessa soddisfazione da parte della professoressa Claudia Palone :”Ringrazio il dottor Benzo per la sensibilizzazione con l’arte e la cultura e voglio dire che abbiamo in cantiere diversi progetti per una cittadinanza attiva e responsabile ponendo la nostra attenzione sulla realtà che ci circonda capendo quanto ciascuno può fare nel proprio contesto ed i ragazzi devono capire cosa possono dare come contributo. Troppo spesso guardiamo sui muri le scritte sessiste ed offensive senza riflettere e pensiamo che in alcuni luoghi sensibili debbano essere immediatamente tolte. Siamo a disposizione per il lavoro manuale e pensiamo che la stazione ferroviaria ed il Priamar sono i biglietti da visita della città e quindi devono essere tenuti in un modo decoroso. L’incontro con la Senatrice Ferrara è stato molto importante e grazie a lei si è arrivati alla legge 107 per la prevenzione del bullismo e cyberbullismo ed i ragazzi possono dare il loro contributo. La scuola non deve ignorare il problema e sono sicura che i ragazzi impegnati in questo progetto saranno persone migliori anche una volta conseguito il diploma. Troppo spesso non ci si rende conto di quanto gli insulti, anche se detti a fine di scherzo, possono fare male e a malincuore abbiamo notato come gli stereotipi sono presenti anche tra i giovani e voglio ricordare che la parità di genere è molto importante affinchè le donne non vengano minimizzate”.

“Il bullismo c’è sempre stato e troppo spesso non facciamo caso alle scritte cattive che notiamo per le strade”, sottolinea la dottoressa Maura Montalbetti, “ed il wall bulling consiste nel bullismo sui muri con scritte offensive e degradanti. Occorre pulire la città dalla cattiveria e voglio ricordare che i ragazzi che fanno parte di questo progetto, che mi sento di considerare vere e proprie perle, hanno ottenuto riconoscimenti anche da altre scuole. Questi ragazzi saranno, una volta finito il loro percorso di studi, grafici pubblicitari e voglio dire loro che occorre dire no alle pubblicità sessiste. La violenza non è solo di genere ma anche nel linguaggio e tra amici occorre rispetto ed etica tra rapporti e sentimenti. Spero che il mio lascito sia il rispetto per noi stessi e per gli altri e a malincuore ho notato che le professioni declinate al femminile perdono valore. Questo progetto è partito nel marzo 2017 e la Coop si è dimostrata disponibile a donarci gratuitamente gli strumenti per pulire le vie della città dalle scritte cattive”.

“Questo progetto è iniziato quando eravamo in prima e siamo stati formati per intervenire anche in altre scuole. Abbiamo fotografato i muri e le panchine ricoperti dalle scritte cattive contro le donne, gli omosessuali, le forze dell’ordine e da frasi razziste ed i gravi insulti verso le donne presenti sui muri con numeri di telefono hanno portato anche a fenomeni di stalking”, concludono i ragazzi della 4D, classe promotrice del progetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *