mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Attualità > L’Italia a rischio contagio Turchia

L’Italia a rischio contagio Turchia

La crisi della Lira turca è legata alle relazioni estere, specie USA, gli investimenti entrano ed escono in fretta mettendo in crisi una economia che sembrava forte, mentre sicuramente forti sono i proclami di Erdogan. La Lira Turca scende e lo spead Italiano sale. Le cause sono strettamente collegate: la Turchia è un paese a rischio, per problemi fondamentali, l’Italia è nello stesso elenco quindi a rischio contagio. Inoltre forti i legami per le esportazioni e bancari (specie Unicredit), molto stretti verso la Turchia, ma soprattutto, per il rischio del Paese Italia (debito elevato e crescita bassa). L’Italia dovrebbe ridurre il proprio debito pubblico, anche se difficile, per debolezza di crescita economica, tenere sotto controllo la spesa pubblica, fruire dell’aumento anche modesto del nostro PIL, ma soprattutto agire per tempo, non presa per il collo. Infatti lo spread sale per paura del nostro debito pubblico e rischia di aumentare fino a settembre, quando si farà chiarezza con manovra economica, per non certezza manovra (Flag Tax, pensioni, reddito cittadinanza), diffidenza su previsioni. Se lo spread sale, salgono gli interessi del debito e relativo costo. Barra al centro nell’ottica di poter portare il PIL a 1.7,1.8. Cina, vuol diversificare dal dollaro, vuol entrare nell’euro, ma l’Italia forse debole per interessare e se poi uscisse da l’euro, sarebbe la fine per i creditori e questo fa paura. Erdogan è sicuramente in crisi, ha forte risentimento con UE che non lo accetta, USA che resta lontana e non si fida, ma ha buon gioco perchè non c’è più divisione in blocchi di guerra fredda tra Usa, Russia e Cina, ma crisi globale allargata, e ha ampia possibilità di muoversi Il contrasto Usa, Russia e Cina è più formale che sostanziale, si chiede, si aspetta realismo, serve più che altro, per la campagna elettorale di Mid Term in USA. All’ Italia serve una manovra di crescita e una riduzione del debito pubblico, accantonando, con senso di responsabilità anche se per poco le promesse elettorali. Chi ha coperto il debito italiano in euro, conta di vederselo restituire in euro. Da tener presente che quasi tutto il debito Italiano è in mano a banche e privati Italiani, condiziona il nostro mercato e lo spread è molto legato al comportamento che terrà la BCE in caso di rischi, crisi in vista. Il Governo Italiano, come ha ben espresso in Canada il Presidente del Consiglio Conte, cerca dialogo, collaborazione e non boicottaggi, sanzioni che danneggiano tutti e non aiutano nessuno. Le banche tedesche e francesi hanno recuperato bene in Grecia, ma se va avanti così, lo stesso non avverrà in Turchia per le banche francesi, spagnole e tedesche. Gli investitori hanno paura, cercano paesi forti, e non turbolenze finanziarie.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *