giovedì, Aprile 25, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > L’Italia è un paese serio?

L’Italia è un paese serio?

Ogni giorno trascorso siamo sempre più perplessi del comportamento di Grillo a seguito elezioni: che anche lui abbia perso il senso della misura e della responsabilità, capita, è successo anche a Napoleone fino a Waterloo, ma è una brutta cosa deleteria in tutti i sensi per il percorso del Paese al momento drammaticamente bloccato e senza spiraglio di luce.Chiarisca cosa esattamente intende fare, come procedere, lasci perdere gli slogan che non impressionano più nessuno, vanno bene solo al momento in campagna elettorale per fendere la folla.Non può arrogarsi il diritto, tout court, di intoppare la formazione di un Governo, sia pure transitorio e in attesa di chiarimenti, elezioni da ripetersi se eventualmente.
Stabilisca i punti politicamente inderogabili, pochi e determinanti, sui quali non intende transigere, li sottoponga al PD e al PdL e faccia l’alleanza con chi li sottoscrive e s’impegni a realizzarli ‘senza se e senza ma’. L’Italia è un Paese serio, fa parte di una Comunità prestigiosa ed è insopportabile questo ‘gioco delle tre carte’. Le riflessioni di cui sopra, solo di qualche giorno fa, necessitano di un breve aggiornamento a seguito delle dichiarazioni ultime di Grillo. ‘Nessuna fiducia a un Governo dei partiti’ (…evidentemente questo è un nuovo modo, innovagrillo -?- da come a tutt’oggi, d’intendere la democrazia o di evoluzione democratica) ‘ma è fattibile un appoggio del Movimento5stelle a un esecutivo tecnico’ (ieri, che oggi neppure a quello: ricordando che già avevamo avuto Monti come triste esperienza) senza troppe colorazioni di parte o predominanti e ovviamente sottoposto al nostro insindacabile giudizio: e il Presidente Giorgio Napolitano si faccia carico, interprete responsabile, di tale nostra proposta (come intendere, la patata bollente è solamente Sua, anche qui nuovo corso involgarito della cultura politica italiana).
Quindi nessuno accordo con il PD, nello specifico con Bersani così ‘insistente’ con quell’ultimatum canagliesco ‘o con noi o tutti a casa’ (che tradotto, dall’altro lato della medaglia, si può solamente e ironicamente intendere come ‘o ci mandate a casa voi o ci andiamo tutti da soli’.
Tutto tace, incomprensibilmente, nei rapporti con il PdL, che Berlusconi sia morto senza che se ne sia data notizia?.
Insomma, a noi cittadini hanno imposto il porcellum, (e cosa gravissima, avete notato?, più nessuno parla, neppure Grillo, di un rifacimento a brevissimo tempo di una legge elettorale rigorosa e pultita per poi ritornare alle elezioni visto l’impasse ‘tragicomico’), ora vogliono privarci anche della valenza del nostro voto così come liberamente espresso, di avere diritto a un Governo di riferimento responsabile e limpido oltre che doverosamente coraggioso. Troppi sintomi inquietanti che portano, per noi anziani, al ricordo di primavere passate ‘con profumo di dittatura’.
Viene da pensare, come ha scritto recentemente Francesco Baccini sul ‘Fatto Quotidiano’, in Italia ‘per abbattere una pseudo democrazia probabilmente ci vuole una pseudo dittatura’

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *