domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Litorale delle Funivie: chiuse le baracche dei pescatori

Litorale delle Funivie: chiuse le baracche dei pescatori

L’Autorità Portuale di Sistema del Mar Ligure Occidentale ha, da alcuni mesi, deciso la chiusura delle “casette” dei pescatori, allo scaletto delle Fornaci e la stesso destino incombe sulle ‘baracche’ esistenti nella zona delle ex Funivie. Negli anni successivi all’ inaugurazione delle Funivie, nel 1912,  si formò una sorta di villaggio costituito da ricoveri, utilizzati da pescatori e da portuali, non destinati all’abitabilità ma adibiti a servizio delle attività legate al mare e all’ormeggio delle imbarcazioni.

Circolava da tempo la voce che le concessioni, rinnovate ogni anno dai privati affittuari, che avevano dovuto registrare gli immobili al Catasto, sarebbero state chiuse dall’Autorità Portuale, che infatti, il 30 novembre scorso ha provveduto a spedire agli occupanti, la lettera di intimazione ad abbandonare l’area entro il 31 dicembre, con proroga di 60 giorni per lo sgombero.

Ad agosto era stato ancora richiesto il rinnovo della concessione per l’anno 2018 con la trasmissione, entro il 4 settembre, all’Ufficio Demanio e Beni patrimoniali, dell’allegato che accertasse la conferma per un altro anno. Il 15 novembre la triste novità, per gli utenti, del diniego della richiesta, con la motivazione, come riporta le comunicazione dell’Autorità portuale, che i beni immobili utilizzati dai pescatori, ricadono in area che sarà oggetto di trasformazione a seguito dell’attuazione degli interventi di riqualificazione del fronte mare, di cui è stato redatto uno studio preliminare da parte del Comune di Savona.

Nell’ambito dell’area oggetto di trasformazione, il tratto costiero sarà interessato dai lavori di demolizione dell’ex impianto funiviario, adiacente alle “baracche”, e dalla continuazione dei lavori dello svincolo dell’Aurelia bis, in corso di realizzazione.

La delusione degli concessionari è grande, ne sono rimasti 9 sui 30 del passato e, nei loro commenti, si intende una evidente amarezza per dover lasciare un luogo da loro sempre considerato un'”Isola” dove poter coltivare la passione e l’amore per il mare: “Subito ci è stata data una speranza e all’improvviso ci è stata tolta, abbiamo sempre pagato e sistemato tutti i problemi a spese rigorosamente nostre – così si esprimono i concessionari delle baracche – se diamo fastidio noi dovrebbe creare problemi anche la Lega Navale più vicina alla strada, noi ce ne andiamo ma se non è stato fatto tutto a regola d’arte, ci impegniamo per la protesta. Siamo stati trattati con un sistema di regime, c’è grande amarezza, più di 20 anni di passione e amore per le baracche e il mare vengono così cancellati”.

“Noi non creiamo nessun tipo di problema e siamo un’associazione, un ente pubblico, al massimo ci ridimensioneranno e sposteranno qualche barca – spiega Franco Forzano presidente della Lega Navale di Savona – non può esistere un manufatto di uso privato sul demanio, la legge va rispettata. Se saremmo interessati all’acquisizione delle baracche per ampliarci? Assolutamente no”.

Paolo Canavese, dirigente coordinatore della gestione del territorio portuale e della sicurezza, ha voluto precisare alcuni aspetti: “Le concessioni ad uso privato non era consentito rinnovarle, alla luce dei fatti comunque dovrebbe definirsi la questione delle Funivie, il comitato intanto ha deliberato di non rinnovare le concessioni. Ci tengo a sottolineare che non è una decisione maturata da Genova, c’è un progetto di riqualificazione del water front che incombe”.

“Diventerà una zona che potrà essere occupata da varie associazioni che ne faranno richiesta, l’interesse è di metterle a un uso della collettività. In questi anni è stato mantenuto un presidio che ha controllato e visionato la zona, bisogna dargliene atto ma i privati, lì, da circolare, non ci possono stare” conclude Canavese.

Sorgono dubbi sui tempi delle nuove realizzazioni: l’area inoccupata potrebbe inclinare a divenire uno spazio votato al degrado ed all’illegalità..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *