domenica, Dicembre 8, 2019
Home > Attualità > ll tempo cancella i ricordi… ma il tuo ricordo è più forte del tempo

ll tempo cancella i ricordi… ma il tuo ricordo è più forte del tempo

Quella domenica del 4 settembre 1966 all’appuntamento con la storia io c’ero. Mancava appena una settimana all’esordio del Savona in serie B (che fu poi pareggiato al Mirabello di Reggio Emilia contro la Reggiana per 1 a 1 grazie alla rete di Fazzi al 75°) e chiunque volesse bene alla propria città e di conseguenza alla squadra che ne è l’espressione non voleva perdere l’occasione irripetibile di dare il proprio contributo di affetto e di tifo. Bisognava testare la competitività del gruppo allestito dal presidente Aldo Dapelo al quale era riservato l’onore e l’onere di subentrare al grandissimo commendator Fausto Gadolla, imprenditore genovese re delle sale cinematografiche, ispiratore e artefice della Grande Impresa, crollato in tribuna, stroncato da un infarto l’8 maggio a Valdagno mentre era in corso la gara decisiva con il Marzotto (terminata 0 a 0 in un’atmosfera surreale) per ipotecare la tanto agognata promozione. C’era molta curiosità nell’ambiente sotto la Torretta e allo stesso tempo, come è nostro costume, una sana e legittima diffidenza a riguardo della nuova gestione.Ricordo bene il clima che si era creato attorno all’evento. L’arrivo della temibilissima Juventus proprio nel primo turno della Coppa Italia (quella stessa vinta nel 1922 dai rivali acerrimi del Vado) lo alimentava. Nell’aria si prevedeva una disfatta (cosa che non fu) che avrebbe alimentato dubbi, polemiche e tradizionali mugugni. La prematura scomparsa del commendator Gadolla lascia il Savona Fbc senza guida e senza prospettive. L’imprenditoria locale (ieri come oggi : una tendenza che immancabilmente si riperpetua)) non è in grado di sostenere il peso morale e soprattutto economico, di un’eredità suggestiva e referenziale, ma allo stesso tempo impegnativa e costosa.Era intervenuto direttamente Carlo Russo, deputato della DC di lungo corso, già braccio destro del presidente Segni e poi Ministro delle Poste e aveva trovato la soluzione in Dapelo, amministratore delegato della Fulgorcavi, azienda con sedi a Genova Bolzaneto e Latina e commesse in Italia e all’estero, che era fuoruscito forzatamente dal Genoa, con una gran voglia di riscatto. Lo aveva fatto circondare inoltre da un gruppo fortissimo di azionisti tra cui “Gepin” Olmo, re delle bici con stabilimento a Celle Ligure, Tardini, Bandettini di Poggio, Mondini e altri. Certo che riuscire a salvarsi nella serie cadetta rimaneva l’obiettivo da raggiungere e questo primo proibitivo test poteva dare la misura di come si era lavorato e di quali speranze ci fossero concretamente.Quella indimenticabile domenica (quella in cui il ferrarista Ludovico Scarfiotti vinse a Monza il Gp d’Italia 14 anni dopo Alberto Ascari) partimmo in cinquanta dal Bar Camagna sede del Savona Club di Valleggia con il responsabile Lino Di Blasio in testa, lo stesso che trentanni dopo sarebbe diventato presidente degli striscioni rilevando Enzo grenno e di cui in allora ero il pupillo incontrastato. Andammo in corteo a piedi con lo striscione davanti come era consuetudine, tra cori improvvisati e no, allegre ouverture e dispute per portare l’asta con il vessillo. A noi ragazzini (in allora si rigava dritti) il compito di mettersi a tracolla il tamburo e i rudimentali clacson elaborati dall’elettrauto Tommy, a me che ero la mascotte spettava il gagliardetto.L’emozione era fortissima. Per la prima volta avevo avuto l’autorizzazione da mio padre (che guerra fu ottenerla) di recarmi allo stadio non accompagnato. Mille raccomandazioni e la mamma (rimasta in apprensione sino al mio ritorno sano e salvo) a salutarmi dal balcone con il fazzolettino. Giungemmo in netto anticipo verso le 15 (l’inizio delle ostilità era fissato per le 16.30). La giornata super estiva con sole a specchio che bruciava la pelle era stupenda sia dal punto di vista metereologico che empatico e nell’avvicinarci al mitico e monumentale Bacigalupo giungeva quell’inconfondibile brusio che ti fa venire i brividi. Respiravamo tutti quel clima da evento memorabile destinato a rimanere impresso per l’eternità. Dentro eravamo più di ventimila abbarbicati ed arrampicati in ogni dove (tribuna, gradinate e curve a tappo). Da dove ero riuscito ad appostarmi si riusciva a scorgere tra i distinti la troupe Rai capitanata da Nando che avrebbe effettuato la registrazione tv da mandare in onda alle canoniche ore 19 (l’abbiamo poi vista la sera tutti insieme nutrendo l’aspettativa di essere rimasti inquadrati, come effettivamente è successo). Per il riscaldamento pre gara e per tastare il terreno di gioco scese in campo prima la Juventus che quell’anno (avrebbe disputato il 16 settembre la prima di campionato) vinse il suo tredicesimo scudetto con un punticino di vantaggio sull’Inter guidata da Heriberto Herrera (teorico del “movimiento”) l’unico allenatore uruguagio ad aver conquistato il tricolore.Era uno squadrone su cui spiccavano capitan Salvadore, il portiere Anzolin e il granitico Castano, con Del Sol (proveniente dal Real) e Cinesinho, a conferire quel magico tocco esotico.Finalmente fecero il loro trionfale ingresso i beniamini locali in maglietta blu con una banda bianca orizzontale. L’atteggiamento era spavaldo e per nulla remissivo ad iniziare da mister Ercole Rabitti che in bianconero vantava nobili trascorsi per esserne stato giocatore e allenatore. Tra i gladiatori di via Chiabrera oltre ai vari Zoppelletto, Pozzi, Gittone, Fascetti, Benigni, Fazzi,( nomi che solo a pronunciarli fanno battere forte il cuore a quelli della mia generazione, senza dimenticare Spanio, Gilardoni e Pierino Prati che giunsero a gennaio come rinforzi) due combattenti di razza.Il primo è il ventenne siciliano Beppe Furino in prestito proprio dai bianconeri ( ne diventerà un emblema tale da meritarsi l’appellativo di “Furia” così come sarà vice campione mondiale del 70 con l’Italia) un mediano aggressivo, infaticabile e duro, di quelli che non mollano mai.L’altro, il trentenne Valentino Persenda (citato spesso come Persenda II per non confonderlo con il fratello Mino primogenito, anch’egli giocatore ed allenatore del Savona, che è mio compagno di squadra nel Vado, mio mister alla Cairese e mio insegnante di Educazione Fisica all’Istituto Alberti) soprannominato “Roccia” (il che è tutto dire), vero orgoglio e bandiera di tutta una comunità, che tanto per non smentirsi avvertì (per non dire minacciò) l’attaccante avversario che era nientemeno che Giampaolo Menichelli (che finì miglior cannoniere iuventino con 11 centri) con la frase premonitrice : ” Dove pensi di andare….” che rimarrà negli annali. Tirati, combattuti e premiati con quel minimo di fortuna indispensabile. i primi 90 minuti terminarono a reti inviolate. Nei supplementari decise una prodezza di De Paoli ( che ho ancora amaramente negli occhi) dopo 6 minuti. Mi crollò il mondo addosso perchè ci avevo creduto, perchè il mio sogno di ragazzo e di tifoso era svanito. Così come mi crollò il mondo addosso quando diversi mesi dopo (18 giugno 1967) nella fatal Catania il gol di Fara all’ 86° (paperona imperdonabile di Ferrero) ci condannò al ritorno in C.Ero tra coloro (una folla immensa) che assistettero alla radiocronaca dagli altoparlanti issati appositamente in Piazza Diaz sotto il Circolò Biancoblù. Captammo, percepimmo,interiorizzammo insieme, istintivamente ed indistintamente che non saremmo più riusciti a risalire in B (è duro piegarsi al pessimismo della ragione). Nella stessa maniera oggi, accompagnando nel suo ultimo viaggio il leggendario “Roccia” (un caro amico, un esempio, un maestro di sport e di vita, un vero biancoblù) ho provato quel sentimento doloroso e struggente che ti porta a pensare che mai più sarà come prima, che bandiere di quel calibro non ce ne saranno più, che in fondo pur rimanendo su questa terra anche io faccio e voglio fortemente fare parte di quel mondo di cavalieri antichi che si sfidavano lealmente e spendendo tutte le loro forze per difendere un sentimento comune, una identità, una maglia. Noi che eravamo al tuo fianco nel triste giorno delle tue solenni esequie (gli Ultras Vecchio Stampo in prima linea con sciarpa e fiori), vicini alla tua famiglia (a tua moglie Vittorina, ai tuoi nipoti Alice, Emilia e Amerigo, a tuo figlio Fabrizio e a tuo figlio Stefano che ci portiamo sempre dentro al cuore) e abbracciati alla “roccia” che sei stato, sappiamo e non ce ne dimenticheremo, che per quella maglia tu hai dato tutto te stesso. A nome di tutti coloro che ti stanno piangendo, quel ragazzo a cui hai regalato un sogno ti dice grazie. Onore a Valentino Persenda, campione dell’ orgoglio biancoblù.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *