lunedì, Aprile 22, 2019
Home > Cultura e Musica > Lo Scaletto dei libri: due serate in riva al mare

Lo Scaletto dei libri: due serate in riva al mare


di - 8 Agosto 2011, 19:22

Mercoledì 10 agosto e giovedì 11 agosto 2011 si terrà allo Scaletto dei Pescatori alle Fornaci una bella iniziativa legata alla letteratura, organizzata dall’Assessorato al Decentramento, in collaborazione con l’Associazione Amici dello Scaletto, il Presidio del Libro di Savona e Radio Savona Sound in qualità di mediapartner. Nelle due serate, che si terranno alle ore 21, si potrà ascoltare e dialogare con gli autori.

Gli invitati di questa prima edizione sono Mario Dentone, (mercoledì 10 agosto, coordina la serata Antonella Pasquale), e Bruno Morchio e Roberto Centazzo che parleranno del noir in qualità di “Giallisti” liguri: a tutti e tre è demandato il compito di ricreare la suggestione del racconto e della letteratura nella spiaggia Bandiera Blu 2011 di Savona. Nel contempo durante la manifestazione verrà esposta a cura dell’Associazione Amici dello Scaletto una splendida mostra fotografica all’aperto di foto storiche degli ultimi cento anni di questo luogo così caro ai fornacini e ai savonesi.  Afferma l’Assessore al Decentramento Sergio Lugaro “Questo evento si inserisce in un progetto più ampio di portare nei quartieri savonesi degli eventi di qualità, la stessa che ritroviamo nelle iniziative che si svolgono nel centro della città o nei suoi luoghi culturali più importanti. Lo Scaletto delle Fornaci anche a seguito della bella risistemazione rispettosa delle sue emergenze storiche è un magnifico palcoscenico rivolto al mare che si presta benissimo ad un evento legato alla letteratura: qui gli autori potranno davvero dialogare col pubblico e con il nostro territorio, sotto la Bandiera Blu della spiaggia delle Fornaci”.

Mario Dentone è nato a Chiavari nel 1947, è cresciuto a Riva Trigoso, paese di mare, in una famiglia di naviganti e pescatori, e dalla Riviera Ligure di Levante non si è più staccato, fra mare e colline. Oltre a saggi critici e racconti su varie riviste, ha pubblicato quattro romanzi: Equilibrio (1981, Premio Rapallo-prove), Al mattino Era Notte (1983), Donna di carta velina (1988), Il gabbiano (1985), e quattro testi teatrali: Ho sentito cantare un angelo (1990, dedicato a Nicolò Paganini), Una prigione di vetro (1994, sulla morte di Luigi Tenco, importante successo di critica e di pubblico, in scena nel 1997), Monsieur Proust, un suicidio perfetto (1998, altro notevole successo di critica), Un grido taciuto. L’ultimo falò di Cesare Pavese (1999). La sua opera teatrale ha suscitato attenzioni anche all’estero, in particolare in Bulgaria e in Francia, ed è stata recentemente anche oggetto di una tesi di laurea. Sempre per la Bastogi Editrice Italiana ha collaborato con Graziella Corsinovi al recupero di tutta l’opera del poeta Franco Mazzi, e attualmente sta lavorando a un nuovo ciclo di romanzi, il primo dei quali è già pronto per la stampa. Collabora come tutor e cultore della materia con la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Genova, per la cattedra di Storia del Teatro e dello Spettacolo. Il suo nuovo romanzo, “Il padrone delle onde”, dedicato alla figura del marinaio Giuseppe Vallaro, di Moneglia, nato nel 1804 e morto nel 1870, edito dalla prestigiosa Mursia nella collana Biblioteca del Mare, è ormai giunto all’ottava ristampa, e il 12 aprile scorso, a Roma, ha vinto il primo premio assoluto al premio letterario e giornalistico della cultura del mare intitolato a Carlo Marincovich, grande inviato di sport, in particolare della vela, per il quotidiano “La Repubblica”, scomparso nel 2008. Si tratta di un premio prestigioso, con una giuria fra le più alte del mondo marinaro, con la collaborazione della Marina Militare Italiana dello Yacht Club Italia e delle maggiori riviste nautiche. Ha ricevuto direttamente dal consorzio Luna Rossa-Prada, il bozzello di richiamo delle sartie di Luna Rossa in Coppa America. Attualmente sta preparando il secondo e il terzo romanzo del ciclo della vela e di Vallaro. Collabora periodicamente con racconti di storia locale e cultura a Il Secolo XIX.

Bruno Morchio (Genova, 6 agosto 1954) è uno scrittore e psicologo italiano. È autore di romanzi ascrivibili al genere “noir mediterraneo”.
Vive a Genova dove lavora come psicologo e psicoterapeuta. Nel 1999 scrive il suo primo libro, Maccaia, che propone ad Einaudi e Sellerio e presenta al Premio Tedeschi di Mondadori ma non riesce a trovare un editore. Nonostante l’insuccesso inizia a scrivere il suo secondo romanzo, La creûza degli ulivi.
Nel 2000 nasce la Fratelli Frilli Editori, una piccola casa editrice genovese interessata a pubblicare romanzi gialli e noir ambientati in Liguria; Morchio presenta la stesura dei primi tre capitoli di Bacci Pagano. Una storia da carruggi e, ottenuto parere positivo, completa il romanzo che viene pubblicato inizialmente in mille copie ed ottiene un successo imprevisto che porta alla ristampa del romanzo ancor prima della notorietà ottenuta con i servizi giornalistici dell’edizione ligure del TGR, de Il Secolo XIX e dell’edizione genovese de la Repubblica.
Il successo ottenuto permette finalmente la pubblicazione, da parte della Fratelli Frilli, dei romanzi scritti precedentemente e, negli anni successivi, di altri due romanzi Con la morte non si tratta e Le cose che non ti ho detto questa volta con Garzanti.
Nel 2009 vince con Rossoamaro il Premio Azzeccagarbugli al romanzo poliziesco.
I primi due libri della serie sono stati tradotti in tedesco da Ingrid Ickler e pubblicati nel 2007 e 2008 dalla Unionsverlag di Zurigo con il titolo Wind in Genua e Wölfe in Genua. La casa editrice dtv di Monaco di Baviera ha pubblicato la traduzione di Rossoamaro, nel 2010, con il titolo Bitteres Rot e quella di Con la morte non si tratta, nel 2011, con il titolo Der Tod verhandelt nicht.
Bacci Pagano, il personaggio creato da Morchio, è un investigatore privato genovese, ironico e disilluso, amante della musica di Mozart, del buon vino e della buona tavola oltre che delle donne (fra le quali Mara, la sua compagna psicologa, che lo definisce “analfabeta dei sentimenti”, giudizio che Bacci ripete sovente a se stesso). Viaggia su una Vespa amaranto e non porta le mutande; secondo il suo autore sta sempre dalla parte dei perdenti perché figlio di un operaio genoano e comunista.
Protagonista dei romanzi di Morchio è Genova, filtrata dagli umori e dalla memoria del protagonista e raccontata privilegiando alcuni quartieri, come la delegazione operaia di Sestri Ponente, il levante cittadino, ricco di crêuze che scendono al mare, la circonvallazione a monte e, soprattutto, la città vecchia con i suoi caruggi, i palazzi fatiscenti ed il suo popolo fatto di artigiani, pensionati, immigrati e bagasce.
Roberto Centazzo, conseguita a pieni voti la laurea in giurisprudenza e successivamente l’abilitazione all’insegnamento, decise sin da subito, che non avrebbe mai il fatto né l’avvocato né l’insegnante. Voleva fare lo scrittore. Di polizieschi.
Esordisce come autore di testi per canzoni vincendo nel lontano 1991 il primo premio al Festival degli sconosciuti di Ariccia organizzato da Teddy Reno e Rita Pavone. Poi decide di dedicarsi alla scrittura. Per anni Centazzo scrive e matura esperienze sfuggendo ai tranelli degli editori a pagamento, alle promesse di sedicenti agenti letterari e a tutti quei personaggi e personaggini che si aggirano nel sottobosco del panorama editoriale, fino all’esordio letterario, avvenuto nel 2007, con il romanzo Per terra ho annusato la vita, vincitore del Premio letterario Il libro Parlante (edito da Il Ponte Vecchio – Cesena), pubblicato con lo pseudonimo di Italo Gilles Lasalle. Centazzo si diverte ad essere ghost-writer di se stesso celandosi sotto i panni di un fantomatico scrittore sudamericano continuando a pubblicare altri due romanzi apprezzatissimi dalla critica e riuscendo nell’intento di rimanere celato, tanto che molti ritengono si tratti di un autore straniero morto da tempo. Maturata la giusta esperienza di vita, lavorativa (è ispettore capo della Polizia di Stato) e letteraria, decide di uscire alla scoperto e di pubblicare utilizzando il proprio nome di battesimo.Partorisce così il personaggio di Lorenzo Toccalossi, Procuratore della Repubblica di Savona, con il quale ottiene la ribalta nazionale grazie all’editore Fratelli Frilli.Il romanzo Giudice Toccalossi, indagine all’ombra della Torretta, pubblicato nel 2010, è arrivato alla terza ristampa, il romanzo Toccalossi e il fascicolo del ’44 è andato esaurito dopo soli tre mesi ed è attualmente in ristampa. Entrambi sono disponibili nelle librerie, nelle edicole e nei supermercati
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *