giovedì, Aprile 18, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Lo sfogo di un nostro lettore

Lo sfogo di un nostro lettore


di - 28 Novembre 2013, 11:22

Esimio direttor Pizzorno, la prego vivamente di perdonare lo sfogo di un lettore dell’Eco – il giornale di Savona e provincia da Lei magistralmente diretto. Sfogo derivante dall’amarezza che scaturisce dalle diurne notizie che riempiono l’animo di sconforto e frustrazione, che offendono e turbano la sensibilità di chi le apprende, e lo spingono in personali riflessioni alle quali non è sempre facile dare esaustivi chiarimenti e giustificazioni. Quasi ogni giorno si apprende che persone preposte ad amministrare la nostra convivenza civile e democratica vengono inquisite per reati infamanti; amministratori pubblici arrestati perchè resisi colpevoli di reati e comportamenti risibili sotto il profilo penale, consigli regionali, provinciali e comunali posto sotto amministrazione coatta per reati di connivenza con organizzazioni mafiose, deputati e onorevoli smascherati per spese voluttarie e altri profitti di indubbia provenienza e leicità, furti e rapine imperanti, femminicidi e assassinii vari, e chi più ne ha più ne metta. L’elenco è lunghissimo. Sono sbigottito di tutto ciò. Amareggiato dalla consapevolezza di ciò che eravamo. Un popolo di navigatori, poeti, scienziati… In relazione a ciò, mi sovviene una poesia di un grande poeta italiano che, riferendosi all’Italia, così si esprimeva: “Italia mia, vedo le mura, gli archi e i simulacri degli avi nostri, ma la gloria non vedo; non vedo il lauro ed il ferro ond’eran carchi i nostri padri antichi, or fatta inerme nuda la fronte e nudo il petto mostri. Aimè quante ferite, che lividor, che sangue….”.

Saremo in grado, gentilissimo direttore, di riappropriarci del nostro orgoglio e proporci agli occhi del mondo in un nuovo rinascimento, o saremo destinati all’oblio del consesso mondiale? Io spero e mi auguro di sì. Questo lo dobbiamo ai nostri figli, e alle generazioni future. La ringrazio per l’ospitalità.

Benito de Stefano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *