mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Lo sport chiede “fatti” non “parole” occorre “credere” nello sport e fare maggiori investimenti

Lo sport chiede “fatti” non “parole” occorre “credere” nello sport e fare maggiori investimenti

Il momento di crisi che l’Italia e gli italiani stanno vivendo è sotto gli occhi di tutti. In questi mesi parlare di acquisti, investimenti, programmazione economica è indubbiamente molto difficile dal momento che i soldi sono pochi, vuoi per le scelte scellerate del nostro governo, vuoi per gli sprechi allucinanti che continuano ad impoverire la nostra nazione. Piangono le casse comunali, non hanno più lacrime le casse della provincia (ormai quasi diventata “terra di nessuno” abbandonata dallo stato) un po’ meglio, forse, stanno le casse della regione, anch’essa, comunque, a “tagliare” a destra ed a manca.
A suon di tagli, il “tessuto” sociale va a farsi friggere ed il vestito della società rimane stretto e corto come quello della “prima comunione”.
Certo è giusto e sacrosanto, dovere risparmiare e fare una politica attenta ed occulata della spesa pubblica. Ma bisognerebbe iniziare a farla tagliando le super-pensioni ed i vergognosi vitalizi dati a cani e porci ed a dei personaggi che sono risultati essere solo dei veri parassiti.
Ci sono, però, due settori, che non devono essere assolutamente tagliati e sui quali, anzi, andrebbe fatta una politica di potenziamento.
Il primo è quello della “sanità” ed il secondo è quello dello “sport”.
Sul settore della sanità il discorso è lunghissimo e talmente importante che ogni commento sarebbe superfluo.
Una sanità decisamente malata, mancante, spesso, nelle sue minime forme di assistenza verso i malati e verso gli anziani.
Ospedali fatiscenti, “mala-sanità”, scandali a ripetizione, tickets sempre in aumento, mesi e mesi per potersi fare degli accertamenti sanitari nelle strutture pubbliche, assistenza domiciliare per gli anzianiormai quasi del tutto inesistente, mesi ed anni per poter subire degli interventi chirurgici importanti, case di cura e di lungo-degenza che lo stato non si sogna nemmeno di aprire a vantaggio delle strutture private che costanoun mare di soldi ed ove il trattamento è “quello che è”.
Preferisco, sulla sanità, fermarmi qui altrimenti le mie invettive diverrebbero davvero pesanti: lascio a voi valutare in “che mani siamo” ed il valutare il grado infimo di quella che dovrebbero essere una assistenza sanitaria che noi cittadini ci strapaghiamo ogni giorno con tickets ignobili e con trattenute sulle nostre busta-paga e sulle nostre pensioni.
Preferisco, invece, parlare del secondo settore, ovvero quello dello sport: un settore che continua a restare, purtroppo, l’ultimo dei problemi e delle preoccupazioni sia del nostro governo e di moltissime amministrazioni di enti locali, che, per primi, dovrebbero occuparsene.
E’, purtroppo, un malvezzo ideologico di molti amministratori comunali il credere o il pensare che lo sport, in quanto tale, sia un “di più”, un qualcosa di “voluttario” che, anche se non c’è, non cambia nulla.
Ed invece cambia eccome! E se lo sport non c’è cambia tutto, ma in “peggio”!
Lo “sport”, oggi, è una primaria ed effettiva esigenza della nostra società: è una risposta che i giovani attendono dal governo e dagli amministratori locali. Lo sport è un “fenomeno sociale” di vastissima portataove tutte le fascie della nostra società sono bene o male coinvolte.
Fare dello sport, lo dicono tutte le “carte” ed le “convinzioni” è un “bisogno primario” dei nostri giovani oltrechè un’esigenza per lo sviluppo psico-fisico dei nostri ragazzi, sempre più soli e senza dei punti di riferimento.
Ma sport non vuole dire andare alla partita alla domenica a vedere la propria squadra di calcio giocare: lo sport non è solo calcio, è molto, molto di più. (Non voglio entrare nel merito degli scandali continui che sconvolgono il mondo del calcio non solo ad alto livello, ma, oggi, purtroppo, anche a livello inferiore, lasciando a voi ogni considerazione. Lo sport vuol dire e significa che tutti, dico tutti, diversamente abili compresi, “devono” praticarlo: è un loro sacrosanto diritto.
Ma praticare dello sport, indipendentemente dalla disciplina sportiva prescelta o verso la quale ci si sente maggiormente portati od attratti, vuol dire avere delle strutture idonee ed adeguate, avere persone preparate a farlo praticare in maniera disinteressata, dandoun “servizio”a tutti gli interessati.
Sport vuol dire “sport per tutti” indistintamente, e non solo appannaggio delle fascie più abbienti che se lo possono permettere. Lo sport, oggi, costa e costa, forse, troppo caro. Le società sportive, che sono le prime cellule vitali dello sport stesso, non godono più di nessuna forma di aiuti e di contributi da nessuno: i clubs sono costretti a mettere quote sempre più salate per le famiglie dei ragazzi dal momento che impianti, palestre, campi, piscine, mezzi e materiali sportivi costano sempre di più.
Le stesse amministrazioni comunali impongono tickets di utilizzo per gli impianti sportivi di loro proprietà: i clubs devono pagare affitto, luce, riscaldamento ed ogni servizio che viene utilizzato.
Il “mecenatismo” nello sport, soprattutto in quello dilettantistico, è finitoda tempo! Gli “sponsor” (che, certamente, avevano il loro tornaconto) hanno chiuso i battenti ed il CONI, era quell’ente che fino ad alcuni anni addietro, avendone le disponibilità, dava aiuti e contributi: adesso più nulla.
La politica dell’ “arrangiarsi” e del “fai da te” non basta più, non è assolutamente più sufficiente perchè i clubs dilettantistici possano fare il loro lavoro capillare sul territorio: oggi fare dello sport vuol dire avere i mezzi economici necessari.
Il “volontariato nello sport”? Ma cosa vogliamo e pretendiamo di chiedere di più di quello che sta dando? non vi sembra che i volontari stiano già facendo abbastanza? perdono un mare di tempo, trascurano moglie e figli per seguire i figli degli altri, spesso ci rimettono di tasca propria e pagano in prima persona! Cos’altro devono fare? Licenziarsi dal loro lavoro?
Se lo sport giovanile e cosiddetto “minore” va avanti in Italia proprio ed esclusivamente grazie all’opera disinteressata di questo nobile “volontariato”.
Ma, ahimè, il tempo del volontariato sta scadendo! Un volontariato deluso, lasciato solo, al quale governo ed enti locali aaddossano solo responsabilità.
Genitori e famiglie, peraltro, chiedono ai clubs sempre maggiore impegno e maggiore professionalità, chiedono più servizi e desiderano pagare sempre meno o non pagare per niente, come moltissimi fanno già, non avendone le disponibilità economiche, lasciando le società sportive sempre in maggiore difficoltà.
Lo “sport” deve, quindi, essere giustamente inquadrato come un fatto nazionale della massima importanza: ne va del futuro dei nostri giovani che hanno bisogno di vedere e di fare dello sport possibilmente onesto e “pulito”.
Il governo, sordo come un mulo ed insensibile da sempre ai problemi dello sport, o prenda lui stesso in mano la situazione con una “legge-quadro” di vera riforma dello sport o deleghi ancora il CONI Nazionale questo compito dando al CONI stesso i mezzi economici necessari.
Lo sport aspetta “fatti”, non “prole e chiacchiere” inutili.
La nostra gioventù ha assoluto bisogno di investimenti: il lavoro certo il problema maggiore che interessa tutti, ma noi crediamo che quattro spiccioli vadano anche investiti nel settore dello sport per dare il giusto divertimento e passatempo ai giovani che ne trarrebbero benefici fisici e mentali, sottraendosi da altri inutili e nocivi interessi che, solitamente, emergono quando gli stessi giovani lasciano di fare sport.
Vogliamo allontanare i ragazzi dal mondo della droga o delle amicizie pericolose? Diamo, almeno, a loro la possibilità di crescere nello sport e di poter coltivare le giuste ambizioni. Non dimentichiamo che lo sport è “scuola di vita” ed è scuola della più qualificata.
I soldi spesi per lo sport, non dimentichiamolo, sono sempre soldi spesi bene: cerchiamo e cercate voi amministratori di reperire i fondi necessari evitando sprechi ed inutili opere pubbliche che non servono a nessuno.
Aiutate di più le società dilettantistiche a crescere per dare un servizio sempre maggiore e più qualificato: la “richiesta” di sport è enorme da parte della città, non dimenticando che tutti gli sports sono e devono essere uguali e trattati e considerati allo stesso livello.
Lo sport deve smettere di essere l’ultimo dei pensieri e dei giocattoli degli amministratori pubblici, gli stessi che, nel momento elettorale, cercano e desiderano i voti di appoggio: cercate di meritarveli dando esempio buono e facendo dei fatti. La società, i giovani, lo sport ne hanno bisogno.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *