domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Lo sport è per tutti

Lo sport è per tutti

“Siamo da sempre protesi a voler dare una dignità estetica alla donna del calcio. Prima si pensava che fosse
handicappata rispetto al maschio per resistenza ed altri fattori, adesso invece abbiamo riscontrato che sono
molto simili….”( Carlo Tavecchio presidente FGCI)
“Basta non si può sempre parlare di dare soldi a queste quattro lesbiche…” (F. Belloli Presidente Lega Nazionale dilettanti)

E’ veramente impensabile poter ascoltare e tollerare le dichiarazioni di questi due massimi dirigenti del calcio italiano.
Lo sport è sempre stato la rete dei collegamenti umani: dove regna l’intolleranza lo
sport unifica le persone, dove la diversità è messa in evidenza lo sport rende tutti uguali.
Chi esercita sport è consapevole che LO SPORT E’ PER TUTTI, senza distinzioni di razza, età, sesso, colore,
capacità, incapacità, orientamento sessuale. Dimenticare questo vuol dire dimenticare la storia.
In tutti gli sport esistono delle categorie: perché? Per puntualizzare ulteriormente che nessuno di noi è
uguale ad un altro, è inevitabile dover esercitare delle distinzioni, perché esiste il più forte e il debole
(fisicamente s’intende), il più giovane, il più vecchio, l’abile, il meno abile, l’UOMO e la DONNA.
Il gioco del calcio non è esente da questo assunto! Sappiamo bene tutti, che esistono donne che giocano a
calcio e fortunatamente in questi ultimi vent’anni la categoria si sta sviluppando sempre più. Da piccole
(categoria pulcini) le bambine giocano a calcio con i loro amici maschietti fino a che salendo di categoria si
iscrivono in qualche società sportiva dove è previsto il settore femminile. Il settore femminile, da sempre, è
stato, ed è tuttora, per molte società sportive il settore di “cuscinetto”. Più squadre la società sportiva
riesce ad iscrivere ai campionati previsti e più agevolazioni economiche può avere sugli importi delle
iscrizioni. Per questa ragione, inizialmente, molte società sportive hanno cominciato ad inserire nel loro
organico i settori femminili, scoprendo poi in questo settore una vera e propria risorsa e avendo molte
iscritte e appassionate di questo sport. In questi ultimi anni il settore del calcio femminile è aumentato e
sempre più donne si stanno avvicinando a questa disciplina. Non è certo giocando a calcio che la donna
perde la propria dignità, e soprattutto non è l’unica attività “prevalentemente maschile” alla quale la donna
si avvicina. Allora potremmo dire che le donne ingegnere (e potremmo aggiungere: le donne autiste, le
donne idraulico, le donne pilota, le donne astronaute e così via) perdono la loro dignità estetica in quanto
svolgono un lavoro prettamente maschile? Si evince che il discorso fatto non regge in nessuna direzione,
ed è completamente anacronistico e insensato.
Come Associazione che si batte per i diritti delle persone LGBTQI non possiamo che dissentire da tutto
questo discorso e appoggiare ora e sempre la tesi che ogni persona ha diritto ad essere se stessa, a
praticare tutti gli sport che desidera, a svolgere qualsiasi tipo di lavoro e a vivere la propria vita nel massimo
rispetto di se stesso e del prossimo. Questo rispetto non deve mai essere in difetto soprattutto in quelle
persone che occupano “poltrone di rilievo” e che hanno il dovere di essere d’ esempio per tutti.

Antonietta Toscano
Resp. Cultura
“Apertamente Arcigay Savona”

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *