mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Attualità > Lo sprint di Bardineto: in 5 anni abitanti a +7,5%. Ultimo Castelvecchio -18%

Lo sprint di Bardineto: in 5 anni abitanti a +7,5%. Ultimo Castelvecchio -18%


di Redazione - 13 marzo 2018, 14:30

Tra il 2012 e il 2017 il numero dei residenti in Liguria è ancora diminuito, sia pure disegnando una dolce curva a scendere. E non è una sorpresa. Semmai il dato più curioso nei dati Istat è che non si è trattato di un calo omogeneo, ma della somma algebrica di tutta una serie di movimenti all’insù o all’ingiù, che spesso hanno riguardato aree contigue, quasi come se una città o un paese sottraesse abitanti al vicino di casa, facendogli concorrenza sul livello delle tasse comunali o sui servizi erogati.

Così, in provincia di Savona, si va dal rosso profondo di Castelvecchio di Rocca Barbena, sceso da 169 a 139 abitanti (-17,8% in cinque anni) al sostanzioso passo avanti segnato da Bardineto (nella foto), in Alta Val Bormida, salito da 695 a 747 abitanti (+7,5%) mentre il confinante Calizzano ha perso 89 residenti (da 1.545 a 1.4719) pari al -4,8%. E sopra la linea di galleggiamento, dopo molti anni di perdite secche, c’è anche il Comune di Savona, che dai 60.595 residenti del 2012 è arrivato a 61.057, con una crescita del +0,8%. Un livello che riporta la popolazione del capoluogo sopra la quota di 60.900 abitanti segnata al censimento del 1931. Positivo anche il bilancio demografico quinquennale di Albenga, che da 23.568 residenti passa a 24.144 (+2,4%); nel caso della città ingauna, tanto per dare un’idea di quanto è cambiata la geografia socio-economica della provincia, nel 1931 gli abitanti erano meno della metà: 10.839.

Tra i Comuni che hanno perso più abitanti, dopo Castelvecchio, troviamo Urbe (684 residenti, -10,1%), Giusvalla (420, -9,1%), Onzo (214, -8,9%), Nasino (201, -6,9%), Sassello (1.762, -6,2%), Piana Crixia (806, -6,0%), Mallare (1.127, -6,0%). Sono tutti paesi dell’entroterra, ma anche lungo la costa non mancano perdite secche: Borghetto Santo Spirito (4.850, -5,5%), Ceriale (5.561 abitanti, -4,2%), Borgio Verezzi (2.232, -3,8%).

Tra chi invece aumenta di più figurano Cisano sul Neva (2.094 abitanti, +6,4%), Magliolo (976, +5,9%), Villanova d’Albenga (2.659, +4,7%), Giustenice (987, +4,7%), Tovo San Giacomo (2.557, +3,0%), Calice Ligure (1.720, +2,7%), Boissano (2.487, +2,6%), Vado Ligure (8.365, +2,3%). E chiudono il quinquennio con il segno più, sia pure con percentuali inferiori, anche Roccavignale, Arnasco, Toirano, Andora, Orco Feglino, Pietra Ligure, Finale Ligure, Vezzi e Bergeggi.

Un ultimo termine di raffronto: Genova, tra il 2012 e il 2017, ha perso lo 0,2% di residenti, La Spezia li ha invece incrementati dell’1,4% mentre Imperia è scesa dello 0,4%. La Liguria è davvero a macchia di leopardo, ma un leopardo un po’ spelacchiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *