venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Cultura > Loano, presentazione de “Gli ultimi passi del Sindacone” di Andrea Vitali

Loano, presentazione de “Gli ultimi passi del Sindacone” di Andrea Vitali


di Redazione - 5 dicembre 2018, 16:30

Proseguono gli incontri di “Libri sotto l’Albero”, la rassegna libraria, giunta all’ottava edizione,
promossa dall’assessorato al turismo, cultura e sport del Comune di Loano in collaborazione con Monica
Maggi di “ATuttoTondo” ed il Mondadori Bookstore di Loano. Domenica 9 dicembre alle 16.30 presso la
biblioteca civica “Antonio Arecco” di Palazzo Kursaal si terrà la presentazione de “Gli ultimi passi del
Sindacone” di Andrea Vitali (Garzanti).

Attilio Fumagalli è un uomo pingue, anzi di più, soffre di obesità androide, nel senso che il grasso ce l’ha
tutto attorno all’addome. Cinquant’anni, sposato con Ubalda Lamerti, senza figli, esercita in proprio la
professione di ragioniere. Per vincere quel senso di vuoto che a volte lo aggredisce, più che per uno
slancio ideale, si è dato alla politica nelle file della Democrazia Cristiana e sfruttando il giro della propria
clientela è riuscito a farsi eleggere sindaco di Bellano. Per tutti, e per ovvie ragioni, lui è il Sindacone.
L’attività istituzionale non lo occupa più di tanto. Oltre al disbrigo delle formalità correnti, riunisce la
giunta ogni due mesi, due mesi e mezzo. Ultimamente, però, sotto questo aspetto, il Sindacone sembra
aver impresso una svolta. Convoca la giunta ogni dieci giorni, a volte anche ogni settimana. Una voce o
due all’ordine del giorno, una mezz’oretta di riunione e ciao. Ma oggi, 22 dicembre 1949, ha superato
ogni limite: ha indetto una riunione per la sera della Vigilia di Natale. Per discutere di cosa? Di niente. Per
scambiare gli auguri. E a più di uno dei consiglieri che si sono visti recapitare a mano la convocazione è
saltata la mosca al naso. Per dirla tutta, al geometra Enea Levore è venuto il preciso sospetto che sotto a
quella frenesia si nasconda qualcosa. Ma cosa? Basterebbe chiederlo al vicesindaco Veniero Gattei, se
quello non tenesse la bocca rigorosamente cucita.

Con “Gli ultimi passi del Sindacone” torna sulla scena la Bellano del primo dopoguerra, di cui Andrea Vitali
sa mettere in luce la voglia di riscatto, il frettoloso antifascismo esibito senza vergogna, gli appetiti della
carne simbolo della voglia di vita che sta rianimando l’intero Paese, ma senza tralasciare quei piccoli
segreti che rendono più sapido il tran tran quotidiano.

Andrea Vitali è nato a Bellano, sul lago di Como, nel 1956. Medico di professione, ha coltivato da sempre
la passione per la scrittura esordendo nel 1989 con il romanzo “Il procuratore”, che si è aggiudicato l’anno
seguente il premio Montblanc per il romanzo giovane. Nel 1996 ha vinto il premio letterario Piero Chiara
con “L’ombra di Marinetti”. Approdato alla Garzanti nel 2003 con “Una finestra vistalago” (premio
Grinzane Cavour 2004, sezione narrativa, e premio Bruno Gioffrè 2004), ha continuato a riscuotere ampio
consenso di pubblico e di critica con i romanzi che si sono succeduti, costantemente presenti nelle
classifiche dei libri più venduti, ottenendo, tra gli altri, il premio Bancarella nel 2006 (“La figlia del
podestà”), il premio Ernest Hemingway nel 2008 (“La modista”), il premio Procida Isola di Arturo Elsa
Morante, il premio Campiello sezione giuria dei letterati nel 2009, quando è stato anche finalista del
premio Strega (“Almeno il cappello”), il premio internazionale di letteratura Alda Merini, premio dei lettori,
nel 2011 (“Olive comprese”). Nel 2008 gli è stato conferito ilpremio letterario Boccaccio per l’opera omnia
e nel 2015 il premio premio De Sica. Con Massimo Picozzi ha scritto anche “La ruga del cretino”. I suoi
romanzi più recenti sono “A cantare fu il cane” e “Bello e elegante e con la fede al dito” .

Dialoga con l’autore Graziella Frasca Gallo (la gieffegi della Gazzetta di Loano). Ad accompagnare
l’incontro saranno la musica e le canzoni selezionate ed eseguite del maestro Roberto Sinito. Al termine
seguirà aperitivo.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *