giovedì, Novembre 14, 2019
Home > Politica > Luca di Montezemolo

Luca di Montezemolo

Il testo della manovra finanziaria approvato giovedì scorso dal Consiglio dei Ministri non è ancora arrivato al Quirinale, e ciò significa che non è ancora definitivo. Molti dei suoi contenuti sono però già noti e su questi condividiamo con te due analisi pubblicate negli ultimi giorni sul nostro sito.  Sul versante economico Carlo Calenda esprime “forti dubbi che, nel medio periodo, la manovra risulterà sufficiente per arginare le turbolenze finanziarie internazionali”.

Mentre il governo “emette assegni post-datati” al 2013 e il 2014, il vero problema sta negli ultimi dati su inflazione, “ai livelli del 2008 per effetto dei rincari che colpiscono molti dei settori a limitata concorrenza”, e disoccupazione giovanile e femminile: “Al Sud colpisce una donna su due”. Ma “di queste cose governo e opposizione sembrano curarsi poco”.  Da qui l’invito: “Berlusconi, presentando la manovra, ha chiesto il sostegno dell’opposizione. Se l’offerta è seria il Presidente del Consiglio dovrà dare qualcosa” e “sarebbe auspicabile che il centrosinistra chiedesse in cambio l’apertura di un cantiere di lavoro comune su welfare, liberalizzazioni e fisco”.

– Continua a leggere l’editoriale Una manovra da minimo sindacale

Sulla riduzione dei costi della politica, tema che il governo sembrava inizialmente voler finalmente affrontare, Alberto Stancanelli vede un nulla di fatto, “Il governo oggi ne parla, qualcun altro domani forse lo farà”.  Rispunta infatti per il momento “il vecchio e noioso strumento delle commissioni ministeriali di studio”. Tra i suoi compiti quello di “elaborare un’analisi sulla media delle retribuzioni dei parlamentari dei paesi europei, come se i dati non esistessero già!”.  Seguono alcune delle proposte concrete dI Italia Futura per la riduzione degli sprechi e, come sempre l’invito rivolto alla classe politica a farle proprie ed attuarle – nel difficile tentativo di restituire credibilità alla “classe dirigente di questa Seconda Repubblica, ormai al tramonto”.  La manovra è necessariamente improntata all’austerità, ma “quando la politica chiede ai cittadini sacrifici deve, prima di tutto, guardare a se stessa”.

– Continua a leggere l’editoriale Lo scatto d’orgoglio che aspettiamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *