mercoledì, Ottobre 16, 2019
Home > Attualità > Luce e occhi

Luce e occhi

Luce, basta parlarne e si sta meglio. In estate possiamo farne il pieno, ma attenti  all’eccessiva luce, può provocare danni alla pelle, soprattutto agli occhi di tipo acuto (irritazione), con lampade abbronzanti, in montagna sulla neve, mare barca a vela, di tipo cronico per chi è esposto per tempi prolungati, pescatori e contadini In ogni caso, meglio chiedere aiuto al medico. Il nostro corpo per prevenire, evitare danni produce un proprio enzima, ma utile in aggiunta usare occhiali da sole. Partiamo dalla bella canzone di Fiorella Mannoia per precisare che gli occhi scuri sono più forti degli occhi chiari, perché questi ultimi lasciano passare più riflessi di luce. Già nei piccoli va curato lo strabismo (occhiali). Attenti al PC stanca gli occhi tanto che a volte necessita interrompere il lavoro, aumentare i caratteri non serve, è un trucco. Il laser può correggere difetti di vista ma lascia inalterata la miopia La cataratta quando è “matura”, va curata quando non si vedono bene i contorni delle immagini, i contrasti. Le lenti a contatto, richiedono lacrime artificiali, vanno tolte di notte per lasciar respirare la cornea. Oggi, in caso di ipovedenti, siamo in grado, con una stimolazione, non invasiva a retina e nervo ottico, elettrica (corrente alternata),si possono ottenere significativi miglioramenti come sperimentato al Policlinico Gemelli Roma. Gli occhi vanno controllati, ma arrivati a 40anni anche se non danno problemi, se sembra di vedere bene, è una garanzia per l’età successiva. Il glaucoma ad esempio colpisce 1milione di persone ed essendo una malattia silente, non dà disturbi, può deteriorare, danneggiare la vista. Da recenti studi emerge una importante terapia neuroprotettiva, utilizzando elementi del cordone ombelicale L’occhio è ricco di liquidi, necessari per poter vedere bene che devono essere cambiati. Se lo scarico di questi liquidi non è efficiente (canali piccoli o intasati), aumenta la pressione interna dell’occhio (glaucoma), che non ha nulla a vedere con la pressione del sangue. Ad ogni variazione, fastidio serve visita specialistica e dopo i 60anni visita ogni 1-2anni. Fatica a leggere da vicino, macchie o mosche volanti sono una altra cosa. Il sole, la luce hanno effetti benefici per il nostro corpo, utile stare all’aria aperta almeno 3/4h al giorno specie per i bambini. Per i bimbi giocare all’aria aperta almeno 40/60′ al giorno aiuta a prevenire la miopia. I raggi ultravioletti sia pure in quantità moderata favoriscono la produzione della “dopamina” utile a meglio mettere a fuoco le immagini. sulla retina In qualche caso, in quantità molto elevata, i raggi ultravioletti, possono danneggiare, alterare la retina stessa, utile una protezione (occhialini). La natura ha creato per proteggere l’occhio e migliorare la vista, il liquido lacrimale, per maggior sensibilità (fotofobia), per filtrare la luce sia per piccoli che adulti, specie dopo interventi (cataratta), lacrime artificiali lubrificanti 2/3volte al dì e buoni occhiali. Circa gli occhiali, bella la canzone di Battiato. C’è chi mette gli occhiali da sole, per proteggere gli occhi o per avere carisma. Gli occhiali da sole sono stati inventati dalla Ray Ban, per i tecnici che lavoravano negli studi cinematografici, perché le lampade erano abbaglianti e pericolose , quindi per proteggere gli occhi degli operatori. Gli occhiali vanno scelti con ottico sia per il colore delle lenti, sia per le montature che devono essere adeguate, particolare la montatura avvolgente se facciamo sport quali parapendio,vela, bici. Dopo i 50anni serve proteggere occhi da cataratta in evoluzione (non ancora operati). Per la montatura poi chi ha viso tondo, meglio non usi montature tonde, chi ha viso lungo meglio forme rettangolari, ovali schiacciate Una volta, per le lenti c’erano 3 colori oggi ce ne sono 15. Per esempio i miopi devono scegliere il marrone, mentre gli ipermetropi il verde grigio, altri colori creerebbe problemi. L’ottico mi aiuta scegliere in base a cosa faccio, dove vado,(montagna, spiaggia, alto mare), infine anche la moda incide, impone, ha le sue regole. I bambini e gli anziani non sono molto amici degli occhiali, indispensabili per gli operati di cataratta . I bimbi li usano solo se li usano i genitori Per i bimbi spesso non si ritengono necessari occhiali professionali, ma anche quelli acquistati da ambulante.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *