mercoledì, Gennaio 22, 2020
Home > Attualità > Ludopatia ? Allo stato va benissimo

Ludopatia ? Allo stato va benissimo

ed e inutile che lui stesso faccia della "finta" prevenzione.

Non scopro certo l’acqua calda nel dire che la “ludopatia” sta diventando e lo è già, una piaga devastante per la nostra società: non solo per i giovani, ma per persone di tutte le età che, nel gioco, cercano disperatamente di migliorare la loro condizione sociale. Ormai si gioca sempre, tutti i giorni ed a tutte le ore. Si gioca ovunque ed ogni momento e luogo è occasione per cercare di mutare la propria esistenza con una vincita capace di cambiare la nostra vita. Giocare vuol dire, perché spendere una barca di soldi che, inevitabilmente, vengono sottratti ad altre esigenze: primarie e ben più importanti. Persone che rinunciano a fare la spesa o ad acquistare generi come vestiario o medicinali pur di giocare ogni giorno somme di denaro a volte ingenti che, spesso, si fanno anche prestare e che, poi, non sono più in grado di restituire. Il gioco diventa una vera malattia inguaribile che consuma completamente chi è entrato in questo vortice dal quale non riesce ad uscire. La stragrande maggioranza dei giocatori si trova ad affrontare situazioni allucinanti dalle quali non riesce a trovare via d’uscita: si continua a giocare e…più… si perde. ..più si continua a giocare nella speranza che una vincita possa porre rimedio ad ogni frustrazione. Il governo -che dal gioco ha profitti altissimi-si trincea dietro una “finta” prevenzione con i soliti spot televisivi che invitano le persone a non giocare astenendosi da questa attività: al tempo stesso autorizza ed avalla il gioco stesso con l’utilizzo delle “macchinette” o dei “gratta e vinci” o dell’ “enalotto”. Non sarebbe più logico impedire il gioco chiudendo tutte le possibilità? Non dobbiamo dimenticare che la ludopatia, che pur porta centinaia di milioni di euro nelle casse dell’erario, costa anche molto allo stesso stato, costretto a spendere ingenti somme per curare questo tipo di malattia, cercando di recuperarli e di reinserirli nel tessuto sociale. Cosa questa estremamente difficile dal momento che è molto difficile eliminare il vizio del gioco che agisce esattamente come una droga. Ogni individuo, peraltro, è giusto che spenda come meglio crede il suo denaro. A giocare, oggi, non sono soltanto i giovani che si giocano quattro spiccioli alle macchinette: a giocare -e molto forte- sono persone mature ed anziani che versano in condizioni economiche precarie di quasi povertà. Ma, negli ultimi anni, la statistica dice anche che a giocare sono anche persone benestanti che non hanno certamente problemi economici per vivere più che decorosamente: ciò vuol dire che il virus del gioco si è diffuso in tutti gli strati sociali e che coinvolge un sempre maggior numero di persone. Che fare? Come porre rimedio a questa piaga dilagante? Anzitutto la vera prevenzione andrebbe fatta nelle scuole anche utilizzando quella materia che è l’educazione civica” che stava per essere rimessa nell’ insegnamento, ma che è stata nuovamente bloccata. Ma sarebbe utile limitare l’utilizzo delle macchinette mettendo dei limiti alle somme da poter giocare o fermandole “a tempo”. Ma, sono convinto al nostro governo ciò interessa veramente a poco.! Il “gioco” è una malattia che coinvolge anche la “psiche” del giocatore. Ma, la salute mentale delle persone, interessa veramente al nostro governo??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *