mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Sport > Luisella Frumento e Davide Mori Romeo vincitori del titolo di campioni del mondo di danza aerea Para Aerial Hoop

Luisella Frumento e Davide Mori Romeo vincitori del titolo di campioni del mondo di danza aerea Para Aerial Hoop

La storia dell’ASD Semplicemente Danza di Savona si arricchisce di un nuovo, ennesimo, luminoso capitolo: il 15 e il 16 dicembre 2018, a Castelletto Ticino, in provincia di Novara, Luisella Frumento – vice presidente e socia fondatrice dell’associazione, nonché campionessa europea di  danze standard Combi blind – e Davide Mori Romeo – danzatore professionista, coreografo, insegnante di danza e direttore artistico, già primo ballerino nella sezione classica del Balletto Teatro di Torino – si sono laureati campioni del mondo di danza aerea Para Aerial Hoop. Nel loro racconto non c’è solo l’immensa gioia per il raggiungimento di un traguardo così prestigioso, ma soprattutto l’inestimabile orgoglio di essere i portabandiera di questa nuova disciplina, scrivendo – per primi al mondo – una pagina destinata a rimanere impressa a caratteri d’oro nella storia dello sport paralimpico. Ma… come tutto ebbe inizio? Sentiamolo dalle loro voci partendo, naturalmente, da quella di Luisella.

“Eravamo a pranzo con colui che si occupa del settore paralimpico della nostra scuola  “Semplicemente Danza” di Savona, Edo Pampuro, il presidente della nostra associazione Lorenzo Carlini e Marco Tomasini, il presidente della IAPAF, l’associazione che si occupa della danza aerea, nonché del Comitato Paralimpico svizzero. Parlavano del campionato di danza aerea e di pole dance che si sarebbe svolto il 15 e il 16 dicembre a Castelletto Ticino e ci hanno lanciato una sfida: sarebbe bello dimostrare che è possibile fare danza aerea e danzare nel cerchio anche per persone con disabilità. All’inizio sono rimasta un po’ perplessa, ma poi mi sono lasciata trascinare da questa idea; ho chiesto a Davide di farmi da partner – perché comunque sul cerchio si può ballare anche in duo – e abbiamo intrapreso questo percorso. La prima volta che sono entrata nella sala prove è stata veramente traumatica, allucinante: il fatto di sentirsi appesi ad un qualcosa e non avere niente per terra non si riesce a spiegare, ero talmente in tensione che mi sarei tenuta persino con i denti attaccata a quel cerchio. Quando ho finito avevo male a tutte le parti del corpo e ho detto: ‘Mai più!’. La seconda volta, devo dire, è stata un po’ meno traumatica e nel giro di un mese e mezzo-due mesi, con l’aiuto di Hemachandra Jilhara, siamo riusciti a montare una coreografia alla “Pink Pole Gym”, palestra che si trova vicino alla stazione di Savona e ci siamo presentati alla competizione. Si è trattato di una cosa completamente nuova, che sicuramente non avrei mai pensato di fare, ma la sensazione è veramente bella: quando senti che il cerchio ruota e tu sei appeso lì e giri hai proprio la sensazione di volare, quello che io avevo sempre sognato e che lì ho potuto provare. Il giorno della competizione siamo arrivati a Castelletto Ticino alle otto del mattino con l’intento di provare il cerchio. Devi sapere che viene montato un palco sul quale c’è una struttura alla quale viene appeso il cerchio, che è tenuto su da una catena attaccata  con uno raccordo girevole che  oltre a dondolare, ruota su se stesso. Ci era stato detto che dalle otto e mezza alle undici ci sarebbe stata la possibilità di provare l’attrezzo poiché la competizione si sarebbe svolta nel pomeriggio. Invece, una volta arrivati, abbiamo scoperto che il palco non era ancora completo e non sarebbe stato possibile provarlo. Non solo: quando è arrivato il cerchio – noi, partecipando per la prima volta ad una competizione del genere, non conoscevamo la differenza tra un cerchio e l’altro – hanno cominciato a dire che non era foderato, che era scivoloso… A me è venuta un’ansia tale che sarei scappata, ma non potevo farlo perché ormai ero lì. Perciò abbiamo aspettato le sei del pomeriggio per gareggiare senza aver potuto provare. Inoltre, erano montati dei fari che quando venivano provati, erano veramente sparati a mille. Con il mio problema – dall’occhio destro non vedo, ma dall’occhio sinistro un po’ di luci e ombre le scorgo – quando c’è una luce molto forte, non riesco a tenere gli occhi aperti perché cominciano a lacrimarmi e a farmi male. Pensavo: ‘Se adesso vado sul palco con quelle luci sparate e cominciano a lacrimarmi gli occhi… e non ho provato il cerchio… ed è scivoloso…’. Insomma, avevo una tensione incredibile. Invece, fortunatamente, è andata bene: quando sono salita sul palco ho respirato profondamente e ho preso Davide per mano. Lui mi ha dato una bella carica, sentirlo vicino mi ha dato sicurezza e insieme abbiamo fatto una bella performance. Ma ora vorrei che fosse Davide a raccontarti le sensazioni che ha provato, sia durante le prove che prima della competizione.”

“Ormai le persone con cui lavoro hanno capito che mi devono prendere un po’ alla lontana, altrimenti dico di no. Mi hanno detto: ‘Vai lì, porti Luisella. Fate una roba semplice, tanto si mette dentro al cerchio e dondola un po’ avanti e indietro… Fate Titti e Silvestro’. E io ho detto: ‘Dai, figurati. Andiamo’. Quando siamo andati la prima volta siamo usciti completamente avviliti. Io pensavo:‘Non sono capace: sì che sono un ballerino, ma essere messo a testa in giù appeso per le gambe è tutt’altra cosa. Devo fare attenzione a quello che faccio io e a quello che fa lei che non ci vede, come faccio a gestire tutta questa situazione?’. Ma una volta presa confidenza con l’attrezzo, con la coreografia e con la sequenza tutto andava meglio. All’inizio si va per tentativi – ‘Proviamo questo. No, non ci piace’ ‘Proviamo quell’altro. Non ci viene’ – finché non si trova la giusta combinazione di cose. Arrivando lì con il poco tempo che avevamo avuto per studiare questa disciplina – andavamo a provare negli orari più strani: alle otto del mattino, alle nove di sera – e sentendoci dire che non potevamo provare, era chiaro che un po’ di panico ci venisse. Ma chi di lavoro fa il performer – secondo me la definizione ‘ballerino’ è ormai un po’ datata perché noi facciamo di tutto – l’unica cosa che spera, una volta salito sul palco, è di fare bella figura. Io ragiono sempre sullo scenario peggiore che possa capitare e penso a come salvarlo. Così salgo tranquillo e cerco di fare meglio che posso. E noi, facendo come meglio non avremmo potuto, abbiamo ricevuto tanti complimenti. Anche perché siamo stati i primi al mondo a cimentarci in questa disciplina. Adesso so perché: forse, in precedenza, qualcuno ci ha provato e ha detto di no; ma noi che siamo un po’ fuori di testa abbiamo pensato: ‘Dai, siamo i primi e dobbiamo farlo’. Insomma… siamo in ballo, balliamo! Eravamo vestiti di blu con tanti brillantini aurora rappresentando un’idea di cielo stellato e danzavamo sulle note della splendida Life on Mars? di David Bowie: abbiamo scelto un pezzo un po’ sognante che stava anche molto bene nel contesto perché in quel tipo di competizione si usano perlopiù musiche da discoteca, molto ritmate. Noi invece, con questa ballata per pianoforte, se non altro abbiamo attirato l’attenzione: chi, magari, non aveva sentito la presentazione, di sicuro si è girato a guardare quando ha sentito la musica, molto diversa da quella che abitualmente si sente in quei contesti. Anche le luci che sono state utilizzate erano sull’azzurro, per cui, con i nostri vestiti blu pieni di brillantini, davano a detta di tutti un effetto davvero meraviglioso. Siamo stati contenti anche per il fatto di aver ballato davanti al presidente della FIDS (Federazione Italiana Danza Sportiva) Michele Barbone ed è stato un onore essere stati premiati da lui. Così come era felicissimo Marco Tomasini, colui il quale ci aveva lanciato la sfida. Ma soprattutto siamo soddisfatti del messaggio che abbiamo lanciato. Fra l’altro, il venerdì antecedente il week end in cui  eravamo impegnati alla competizione, avevamo partecipato ad una serata di beneficenza che è terminata all’una: eravamo partiti alle sei del mattino e siamo andati a dormire alle due di notte! Ed anche la serata di beneficenza è stata soddisfacente: io ero giudice in questo spettacolo / competizione amichevole che si chiamava Stelle per una notte, mentre Luisella ha partecipato come maestra di danza per preparare un personaggio conosciuto di Finale Ligure. Diciamo che tutto era partito come un incubo terrificante per poi trasformarsi in un sogno piacevole. Una bella soddisfazione perché, una volta finito tutto, ci si dice: ‘Adesso ho capito perché l’ho fatto’. Cosa di cui, finché non si arriva lì, non ci si rende conto perché presi dallo stress e dalla fatica fisica e psicologica. Oltretutto, rappresentando l’Italia nel Campionato del Mondo di danza aerea, era ancora più grande la soddisfazione di esserne stati i pionieri e di aver portato ancora più in alto il messaggio di questa associazione: se uno vuole ce la può fare, perché volere è… volare.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *