venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Attualità > Marciapiede, non parcheggio provvisorio

Marciapiede, non parcheggio provvisorio

Nessun regolamento è efficace contro la maleducazione


di GIORGIO SIRI - 17 novembre 2018, 9:14

Di fronte all’occupazione selvaggia dei marciapiedi cittadini ed al rischio che qualche passante inciampi in scaffali e cassette della frutta, ma può inciampare nel veicolo stesso, che comunque non deve stare lì, l’Amministrazione comunale di Savona cerca di riportare ordine sulle strade, definendo quali sono le zone “ad elevato flusso pedonale” su cui far scattare i limiti massimi di ingombro.  Anche per rispettare quanto sarebbe già previsto dal Regolamento Edilizio comunale in materia di occupazione del suolo pubblico: marciapiedi e percorsi pedonali devono comunque garantire spazio per il pubblico passaggio pari ad almeno 1,50 metri nel caso di strade con basso traffico pedonale;  2,00 metri nelle strade con elevati flussi pedonali; 2,50 metri sotto ai portici di via Paleocapa.

La classificazione delle strade, redatta dal Settore Pianificazione Territoriale del Comune d’intesa con il Settore Lavori Pubblici e la Polizia Municipale, secondo il numero dei pedoni in circolazione si è reso necessario per consentire una univoca applicazione da parte dei servizi comunali che concedono spazi di suolo pubblico a negozianti e esercenti.

La proposta, condivisa e approvata dalla giunta comunale, considera ad alto flusso pedonale gli interi ambiti del centro storico e l’area della darsena, mentre per il restante territorio del centro urbano sono state comprese nell’elenco le singole strade che per gerarchia sono da ritenersi più frequentate. Peraltro l’individuazione prescinde dalla larghezza dei marciapiedi, nel senso che in caso di spazi inferiori o a quelli minimi previsti dal Regolamento non potrà essere concessa alcuna occupazione di suolo pubblico che limiti o restringa il passaggio.

Le zone considerate ad “ad alta frequenza” sono le seguenti: Centro città: Au Fossu, Paleocapa, Mameli, Popolo, Boselli, Sauro, Vegerio, Diaz, Marconi, dei Mille, Brignoni, Italia, Manzoni, Niella, Montenotte, Guidobono, XX Settembre, Giuria, Corsi, Mazzini, Gramsci, IV Novembre, Giulio II, Saffi; Villapiana: Torino, Piave, San Lorenzo, Verdi, Brennero, Crispi; Oltreletimbro: Collodi, Carissimo & Crotti, San Michele, Cimarosa, Servettaz, Tardy & Benech; Darsena; Litorale di Ponente: Vittorio Veneto, Nizza.

In ogni caso, “marciapiede” vuol dire proprio qella parola lì, ovvero zona viaria dove si “marcia a piedi”, e le corrispondenti parole francese, inglese e tedesca ovvero “trottoir” sidewalk” e “gehweg” stanno ad indicare lo stesso concetto; pertanto sui marciapiedi, se è inevitabile che ogni tanto ci stia qualche cassetta di frutta o qualche bancale di altra merce, di automobili non ce ne devono proprio stare; è la stessa maleducazione che si denota negli ormai sempre più numerosi automobilisti che marciano con gli abbaglianti accesi, perchè è forse per loro più comodo e ti sparano le loro maledette luci negli occhi e chi, come lo scrivente, lo soffre particolarmente, non ha altro da fare che sopportare e magari, per umana debolezza e dimenticando di essere cristiani, pur fallibili, lanciare qualche sentito accidente!

Altrochè autovelox ci vorrebbe per loro! Ed anche questo non è giusto; si passano i limiti di tre chilometri, e si viene sanzionati, sempre che limiti legali siano, perchè qua e la dove si è multati per aver passato i sessanta all’ora, poi si scopre che il limitè è fissato ai settanta! Lo vedremo con calma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *