venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Attualità > Marco Melgrati inciampa sulla strada di Ada Pace “Sayonara”

Marco Melgrati inciampa sulla strada di Ada Pace “Sayonara”


di giorgio siri - 15 gennaio 2018, 17:28

 

Marco Melgrati, già Consigliere regionale, già Sindaco di Alassio,  in odore di essere di nuovo candidato a tale carica, è stato rinviato a giudizio per “circonvenzione di incapace”, per aver emesso ed incassato una parcella da settantamila euro da una celebrità ormai a riposo, Ada Pace detta “Sayonara” e per essersi fatto intestare dalla stessa signora un’auto d’epoca, un’Alfa Romeo Giulietta Spider, degli anni 1960, saldata con un prezzo simbolico di cento euro ma stimata del valore di ben trentamila euro. Ada Pace (Torino, 16 febbraio 1924 – Rivoli, 18 novembre 2016) è stata una sportiva, automobilista e motociclista nota negli anni 1950 e 1960. Melgrati aveva redatto, per l’antica campionessa, un progetto di ristrutturazione di un’immobile, nella Baia del Sole di Alassio; per quel compenso un po’ “caro” ha fatto insospettire il giudice. Similmente, è apparso inconsueto il “prezzo simbolico”, per un’auto d’epoca per la quale più di un collezionista si svenerebbe.

Con Melgrati è accusato della stesso reato un avvocato civilista  di Torino, Alberto Villarboito, anch’ egli divenuto intestatario di beni dell’anziana sportiva. Il capo di imputazione, per l’ avvocato, recita che: ” il 19 aprile 2011 si faceva redigere un testamento pubblico alla presenza del notaio Boggio in cui Ada Pace gli lasciava l’intera proprietà della casa di Avigliana con mobili e arredi». Lo stesso giorno l’avvocato «si faceva donare con atto notarile una Ferrari Dino 246 GT del valore non inferiore a 90 mila euro e un ciclomotore Piaggio da 45 mila euro»; compenso per aver effettuato un prelievo di 500 euro il 4 ottobre 2012 dal conto dell’anziana, e per aver inviato una lettera su carta intestata del suo studio legale, a mezzo della quale chiedeva alla banca Intesa San Paolo di «bonificare tutte le giacenze e trasmettere tutti i titoli» a un istituto bancario da indicare, giacenze e titoli del valore di circa due milioni di euro.  Escluso che abbiano agito in concorso, Villarboito e Melgrati erano stati stati rinviati a giudizio, nel 2016, dal giudice per l’udienza preliminare Francesca Christillin di Torino. Secondo l’accusa del pm Paolo Scafi avrebbero approfittato dell’infermità e della fragilità connessa all’età di “Sayonara” per farsi donare automobili e indurla a compiere «atti giuridici con effetti a lei dannosi ».

“Si tratta di accuse infondate – aveva precisato l’avvocato di Villarboito, Simone Giacosa – che si basano sul fatto che il consulente del pm ha sostenuto che Ada Pace fosse circonvenibile dal 2004, ma nessuno, né i medici curanti né i notai delle donazioni, tutte per altro fatte con atti pubblici, se ne sono mai accorti. Anzi. Il mio cliente era solo un amico, lei era venuta al suo matrimonio e non ha mai approfittato della solitudine di questa donna: ha solo cercato di aiutarla rispondendo alle richieste di una persona lucida e molto forte di carattere»(Repubblica, 17 luglio 2016)

Ada Pace ha finito i suoi giorni in solitudine, assistita da pochi amici, nonostante il passato tanto brillante e l’immenso patrimonio. La causa era stata intentata dall’amministratore di sostegno Laura Astori, assistita dall’avvocato Giovanna Fassio, che si è costituita parte civile. Per Melgrati, architetto e politico alassino, dovrebbe essere pronunciata la sentenza a breve termine.

Ada Pace, figlia di un artigiano, ebbe una vita movimentata e tribolata. Le arrisero successi sportivi inviadibili e subì lutti affettivi e familiari altrettanto eclatanti.”Sayonara” era divenuto uno pseudonimo sportivo, dalla scritta giapponese, ovvero “arrivederci” che lei usava apporre, provocatoriamente, al posto della targa, come a voler dare l’arrivederci agli sfidanti – uomini – cui regolarmente faceva “mangiare la polvere”!  Vincitrice al “Rally del Sestriere”, alla “Trieste Opicina” , alla “Targa Florio”, si ritirò dall’agonismo nel 1965, a seguito di un incidente avvenuto presso Borghetto Santo Spirito, nel corso del quinto “Rally dei Fiori”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *