giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Cultura e Musica > Marco Polo torna a Genova in una grandiosa opera cinese

Marco Polo torna a Genova in una grandiosa opera cinese

Anteprima internazionale domenica al Carlo Felice

E’ quanto mai di attualità il grande progetto della “Nuova via della Seta”, con cui la Cina intende rilanciare
il sistema di scambi commerciali nel continente euroasiatico, che in secoli lontani si sviluppò con il Bacino
del Mediterraneo, attraverso l’Asia Centrale. Un momento culturale significativo, che sottolinea
ulteriormente l’importanza che il Governo di Pechino attribuisce a tale iniziativa, è l’aver commissionato
per la Guangzhou Opera House, dove è stata presentata nel 2018, un’opera dal titolo Marco Polo . Questa,
prodotta da China Arts and Entertainement Group e da Silk Road International League of Theatre, vuole
anche celebrare due importanti ricorrenze, il 50° anniversario delle relazioni diplomatiche tra Cina e Italia,
e i settant’anni dalla proclamazione della Repubblica Popolare Cinese. L’anteprima europea di tale kolossal
della lirica si terrà domenica 29 settembre al Teatro Carlo Felice di Genova( (lo spettacolo verrà riproposto
martedì 1 ottobre, sempre alle 20), che con la Cina ha lontani legami di collaborazione. Nel 1986 fu infatti
il primo teatro occidentale ad essere ospitato nella Repubblica Popolare , e sul suo palcoscenico negli
ultimi anni si sono avvicendati spettacoli dalla Cina, che ha a sua volta ha accolto il Teatro , come nel caso
della Turandot “genovese”, presentata allo Jiangsu Centre for the Performing Arts di Nanchino nel 2018.
Protagonista dell’opera è dunque Marco Polo, viaggiatore veneziano del XIII secolo, che proprio in una
prigione genovese raccontò i suoi viaggi in Asia con il padre e lo zio, preziose testimonianze poi raccolte ne
Il Milione . Le musiche di questo autentico kolossal portano la firma di Enjott Schneider, famoso autore di
colonne sonore per il cinema: sfida non facile, dove le note mischiano influenze orientali ed occidentali,
inserendo naturalmente anche strumenti tradizionali cinesi. Giovane è il regista dell’opera, Jingu Shi,
mentre il cast internazionale comprende, nel ruolo principale, il tenore italiano Giuseppe Talamo (che ha
dovuto affrontare lo scoglio della lingua, infatti l’opera è cantata in cinese e sovratitolata in italiano). Lo
affianca il soprano Xiaotong Cao, che interpreta un affascinante , misterioso personaggio d’invenzione, la
giovane Chuan Yun, incontrata a Samarcanda, una delle tappe importanti della Via della Seta, e la cui
bellezza mette per così dire in discussione anche i propositi di un viaggiatore esperto e più che rodato,
qual’era Marco Polo. Sullo sfondo della storia si disegnano le lotte tra la dinastia Song e il regno di
Mongolia, mentre Genova compare all’inizio e alla fine con le carceri di Palazzo S. Giorgio, dove Marco,
prigioniero a seguito della rivalità fra le repubbliche di Genova e di Venezia, dettò Il Milione a Rustichello da
Pisa, suo compagno di cella . L’orchestra del Teatro Carlo Felice è diretta dal maestro Muhai Tang, mentre il
Coro ha dovuto misurarsi con una lingua non certo facile. Al successo di questa mega produzione, sorta di
grand-opéra del nostro tempo,e che arriva dalla lontana Cina e conferma gli stretti legami tra i due paesi,
contribuiranno certamente le magnifiche, grandiose scenografie, i ricchi costumi esotici , il rutilante gioco
di luci, le grandi scene di massa e i balletti spettacolari. Il tutto reso possibile dalla macchina scenica
all’avanguardia del teatro genovese , grazie alla quale è possibile rappresentare un’opera kolossal, che
richiede i risorse tecniche non comuni.

www.carlofelicegenova.it

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *