mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Cronaca > Maricone: "ma nel 2012 ci sarà ancora il trasporto pubblico?"

Maricone: "ma nel 2012 ci sarà ancora il trasporto pubblico?"

Da un mese TPL Linea è al centro di una serie di articoli di stampa volti a evidenziare e ampliare lamentele personali, singole e puntuali relative al recente cambio delle linee di Savona. Durante questo stesso mese, con la nostra tipica e eccessiva serietà, gli uffici hanno raccolto le segnalazioni, suddivise per linee, valutate nei loro fondamenti. Come dichiarato fin dal’inizio, un paio di mesi di servizio sono comunque necessari per dare tempo alle persone di abituarsi ai cambiamenti. Sempre come dichiarato all’inizio, alcune soluzioni sono già state elaborate ed altre sono in fase di definizione per risolvere quelle che sono emerse come criticità reali. Ieri ci è arrivata un’interrogazione da parte di alcuni consiglieri regionali. Che oggi troviamo pubblicata parola per parola su un quotidiano, ma attribuita ai nostri sindacalisti del ponente (sinceramente non sapevo che i consiglieri regionali si facessero scrivere i testi delle loro interrogazioni dai sindacati senza peraltro nemmeno sentire l’azienda o i soci della stessa).

Avevamo redatto come risposta ‘privata’ una lettera tecnica, dati alla mano che invieremo comunque, ma che sicuramente non avrà un gran valore aggiunto stante così le cose. Di che cosa si è parlato in tutto questo mese? Autobus vecchi, sedili scomodi, 6 euro di diaria, molto lavoro per i dipendenti, 10 minuti di attesa per una coincidenza. La signora che prima prendeva la corriera sotto casa e adesso deve fare 100 metri a piedi, persone anziane che devono fare un cambio autobus e che era meglio prima tanto i ragazzi vanno a scuola in motorino (chissà a gennaio e febbraio ….), la corsa delle 4.30 del mattino che trasporta 1 persona, neanche tutti i giorni … tutti temi che cerchiamo quotidianamente di affrontare ma… Forse sragiono, forse sono pessimista di colpo (l’età di mezzo si sa), forse è la mia deformazione professionale che mi porta a ragionar di numeri e pianificazione. Io leggo però sugli stessi giornali che l’Europa è in crisi, che il Governo Nazionale taglia risorse, che gli Stati Uniti propongono un patto sociale per provare a uscire dalla crisi, che le imprese locali chiudono o riducono e che 20.000 giovani in provincia di Savona sono Neet (non in studio, lavoro o pratica). Vedo un settore e credo un intero paese in crisi che non sa quale sarà il proprio destino nei prossimi anni. Vedo una sanità che istituisce i ticket, una scuola che taglia le ore, le nuove generazioni che hanno la certezza che non avranno una pensione adeguata, i trasporti ferroviari che tagliano i treni.

E poi il trasporto pubblico locale…

Vorrei essere chiaro : se la situazione non troverà uno sbocco gli interventi che le aziende
di TPL dovranno attuare quest’anno e i prossimi saranno da lacrime e sangue. Saranno linee non cambiate, ma eliminate; saranno investimenti zero; sarà mobilità per centinaia di lavoratori; saranno frequenze diradate al massimo. Questo si, credo potrà essere tema di grandi proteste. Infine Sar più Acts, Acts più Sar = TPL Linea. Un’operazione logica, razionale, di efficientamento che difendiamo e continuiamo a ritenere doverosa rispetto ad un necessario, impellente, bisogno di contenimento dei costi. Che ha migliorato il servizio, lo ha reso omogeneo e maggiormente fruibile da parte di tutti. Parte della politica, il territorio albenganese, i sindacati di ponente rivogliono la ‘loro’ azienda? Rivogliono 45 micro aziendine sparse sul territorio ligure a gestire il trasporto pubblico? Rivogliono doppi presidenti, consigli, tecnici, direttori, personale? Liberi di proporlo. Quindi mi chiedo, di che cosa stiamo parlando? Forse di un’azienda che non licenzia, che non ha tagliato un chilometro, che ha i prezzi dei biglietti più bassi della Regione, che riesce ancora a fare servizi aggiuntivi per gli eventi estivi sobbarcandosene i costi, che presta ascolto a tutte le segnalazioni e cerca di fornire risposte concrete, di soddisfare i suoi passeggeri, che ha acquistato 36 nuovi mezzi, di un’azienda quindi con pregi e difetti ma sempre e comunque alla ricerca di un miglioramento continuo? O, al contrario, parliamo di dover cambiare un autobus, di coincidenze non proprio immediate, di un parco mezzi che ha ancora autobus senza aria condizionata, di dover addirittura acquistare 1 biglietto da 1,30 € da tenere in tasca per precauzione, dell’orario tanto comodo che portava ai concerti a Varazze e che ora non c’è più e delle difficoltà di raggiungere Albisola con il 5 quando ci sono il 7, il 7/ e il 30? Perché se si tratta di queste cose, a costo di essere l’unico, ho idea che non valga proprio la pena di parlarne perché purtroppo i problemi sono altri.

Maurizio Maricone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *