mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Cronaca > "Matching sul turismo" un successo a Finalborgo

"Matching sul turismo" un successo a Finalborgo

Si è svolto, presso il complesso monumentale di Santa Caterina , a Finalborgo, il convegno “ Matching sul turismo”, organizzato dall’Unione Provinciale albergatori . L’iniziativa, giunta alla terza, si è occupata dell’importanza Della DMO (Destination Management Organisation): Al convegno hanno partecipato, tra gli altri, Il presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza, l’assessore al turismo regionale. Angelo Berlangieri, il presidente della Camera di Commercio Luciano Pasquale, Il Presidente dell’Unione Industriali di Savona Fabio Atzori, il presidente dell’ Unione Provinciale albergatori Franca Roveraro Cappelluto ed il vicesindaco di Finale ligure Giovanni Ferrari. Nell’intervento del primo relatore, Matteo Montebelli del Centro Studi del Touring Club Italiano, sono stati analizzati i dati sul turismo internazionale e nazionale relativi al 2010 ed il loro trend.

Se si prende in considerazione la classifica dei primi 10 Paesi per arrivi internazionali nel 2010, si evince che l’Italia ,pur mantenendo la quinta posizione, e registrando un incremento dell’1%, ha visto diminuire la quota di ricavi turistici sul totale  mondiale dal 7% circa del 1995, al 4,7% del 2010. Questa perdita di quota di mercato si ricollega sostanzialmente all’affacciarsi sul mercato turistico di nuove destinazioni con un incremento vertiginoso della concorrenza. L’Italia registra comunque un incremento negli arrivi internazionali nell’area del Mediterraneo per i primi 6 mesi del 2011 (+1,2%), anche se risulta di gran lunga superata da Spagna (+7%), Turchia (+10%), Grecia (+13%).Se si analizza l’andamento complessivo del turismo per il 2010 in Italia, si può dire che si è assistito ad una crescita del turismo incoming, ad un arresto del turismo domestico ed a una ripresa, rispetto all’anno precedente del turismo outgoing. Da questo emerge che gli italiani giudicano più positiva l’esperienza di viaggio all’estero.Ipotizzando i dati per il 2011, la spesa per il turismo incoming, dovrebbe crescere del 4,8% e ritornare al livello del 2006, quella per il turismo outgoing dovrebbe salire del 4,4%. A livello europeo l’Italia è ai primi posti per le intenzioni di viaggio (dopo la Spagna ). Il principale mercato straniero dell’Italia é la Germania, anche se la sua quota è scesa in 10 anni dal 33% al 29,6% Anche se non sono ancora a tutt’oggi disponibili i dati definitivi relativi all’estate 2011 , si può considerare che ci sia stata una sostanziale ripresa verso il turismo italiano..La vacanza è un bene irrinunciabile, ma con un “ occhio al portafoglio”; si cercano sistemazioni extra alberghiere, si effettuano vacanze in stagioni di spalla ed assume una crescente importanza la meteo sensibilità, con la tendenza a prenotare sempre più vicino alla data di partenza.
Il convegno è poi entrato nel vivo , con l’intervento di Josep EJarte, Presidente AIPMT sulla DMO e sulle sue prospettive, nell’ambito del rilancio della destinazione Savona. Per molti anni gli operatori turistici hanno offerto un prodotto standardizzato, basandosi sulle attrattive turistiche della nostra provincia. Al giorno d’oggi è necessario però un cambio di prospettiva. Il mercato è cambiato; il cliente deve essere posto al centro dell’attenzione. Nel  momento in cui progetta una vacanza, si chiede che cosa può fare in un determinato luogo e sceglie la destinazione in relazione a ciò, comparando diverse possibilità. Quindi l’offerta turistica deve essere più flessibile ed andare incontro alle mutate esigenze della domanda. Per fare emergere una destinazione è necessario che ci sia una gestione organizzata del sistema turistico locale e la collaborazione stretta e fruttuosa tra pubblico e privato è alla base del successo di una destinazione. Tutto questo deve essere sviluppato dal management delle varie aziende operanti nel settore turistico;; si deve puntare sulla destagionalizzazione, sul proporre un prodotto turistico di qualità, su una attiva promocommercializzazione dello stesso, utilizzando tutti i mezzi a disposizione ed Internet come principale strumento.L’obiettivo deve essere il riposizionamento di Savona sul mercato turistico. In caso contrario, assisteremo ad uno spreco di energie, alla mancanza di risultati concreti, alla perdita di competitività e di attrattività. Il campo del Web come principale strumento cui gli operatori turistici devono rivolgere la propria attenzione, è stato oggetto del successivo intervento, di Sabrina Pesarini di Four Tourism. Ormai Internet è il primo canale per le informazioni e le prenotazioni. Non solo Google, non solo le pagine Web, ma anche i blog. Ormai esistono nuovi canali di distribuzione; le fonti di informazione alle quali possono attingere gli utenti, sono fornite da altri utenti. Oggi il turista che vuole programmare la propria vacanza, effettua una lunga ricerca sul Web e non si accontenta di visitare i siti degli operatori turistici, ma ricerca i pareri dati da altri turisti,; diventa importante la valutazione di una struttura da parte di altri clienti riportata su Tripadvisor. Il passaparola oggi viaggia sul Web. Dopo aver fatto un’attenta ricerca e valutazione , il turista è pronto per l’acquisto che , spesso è effettuato al di fuori di quelli che fino a pochi anni fa erano i canali tradizionali. Il turista si serve sempre di più del Web. Poiché la comunicazione è cambiata , è necessario che il management crei e mantenga una presenza online. ; la comunicazione su Internet deve essere continua. Non si deve pensare più al target ,ma al contatto individuale, allo scopo di conversare con il cliente, per arrivare alla fidelizzazione. Certo questo comporta dei costi che devono essere valutati attentamente dagli operatori, ma non è più pensabile poter offrire un prodotto turistico restando completamente al di fuori dal Web. Per la DMO quindi, lavorare in Internet significa avere una nuova visione della propria attività, utilizzare nuovi linguaggi e la nascita di nuove figure professionali come il social media manager o il community manager. La tecnologia è stata l’oggetto dell’ultimo intervento di Roberta Milano dell’Università di Savona. In campo turistico, come in altri campi la tecnologia ha modificato le tecniche di vendita dei prodotti e ha modificato ilmodo in cui i potenziali acquirenti si avvicinano al prodotto stesso. La tecnologia consente alle persone di vivere, nello specifico, in campo turistico , delle pre-esperienze di viaggio, attraverso i racconti di altri viaggiatori, presenti sul Web,Le esperienze di viaggio possono essere condivise in tempo reale con altre persone , grazie al mobile. Esiste anche una post esperienza di viaggio, che, attraverso la produzione e pubblicazione sul web di racconti, video e foto può essere utile per altri viaggiatori. In un mondo che corre sempre più in fretta , dal punto di vista tecnologico, ma che offre sempre maggiori opportunità, sia per coloro che richiedono un prodotto turistico, che per gli operatori che lo offrono, vi è la necessità da parte di questi ultimi, di sfruttare tutti i mezzi che l’Web mette a disposizione, anche dovendo sostenere dei costi. Comunque è al giorno d’oggi l’unica strada percorribile per gli operatori.turistici .Solo con l’innovazione si resta al passo con i tempi, si va incontro alle esigenze del cliente, che ormai non si accontenta più di una vacanza standardizzata. e si riesce ad essere competitivi , nonostante la concorrenza sia da parte di altri operatori sullo stesso territorio, che da parte di operatori in altri luoghi.

Stefania Scarone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *