domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Attualità > Matera, per una rinascita

Matera, per una rinascita

Matera è capitale europea della cultura in questo anno appena iniziato 2019; un riconoscimento importante per la città, per la Basilicata, per il Medidione, per l’Italia intera. Matera è una città esclusiva e unica, una città di un’età antica che si è tramandata a noi così come’era quando è satta fondata; una città segnata anche da sofferenza e da arretratezza, per la quale venne promulgata una legge, nel 1952, per l’abbandono dei “sassi” da parte dei cittadini che ancora lì risiedevano per destinarli in quartieri moderni. Quello che, nel passato, aveva rappresentato un vero a proprio ecosistema, che aveva retto per secoli, con l’intelligente sistema di raccolta delle acque e lo stoccaggio dei rifiuti, aveva cominciato a declinare a partire dalla fine del Settecento e Matera, col tempo, era divenuta simbolo di povertà e di condizioni di vita arcaiche cui era costretta ad adattarsi una popolazione emarginata e segnata da un destino ineludibile di povertà! Ma le cose cambiano e Matera è stata scelta moltissime volte come set cinematografico, da Lizzani a Pasolini per il famoso “Vangelo secondo Matteo”, sino alla “Passione di Cristo” di Mel Gibson, per film ambientati in età antiche o meno; Lattuada vi gira “La Lupa”, nel 1985 Richard Gere interpreta Re David in una Matera divenuta Gerusalemme, ma vi sono anche “Allonsanfan” dei Fratelli Taviani o “l’uomo delle stelle” di Tornatore.

La città si proietta quindi verso un nuovo orizzonte, si comprende la sua unicità, la sua stroardinarietà e si scoprono le sue bellezze, come la numerose chiese, tra cui la Cattedrale, od imponenti palazzi seicenteschi, che le sono valse il riconoscimento dell’Unesco come patrimonio dell’Umanità!

Rai Uno ha scelto Matera per lo spettacolo di passaggio dell’anno, condotto nell’occasione da Amadeus, per iniziare con un omaggio alla capitale europea della cultura del 2019; un evento di rinascita perchè Matera è sottratta al suo destino di città emarginata ed è invece collocata al centro della scena, come città di valori artistici e culturali unici e con essa il Meridione intero, in una prospettiva di recupero di tutti i valori culturali che il Meridione, terra di grandi intellettuali come Croce o Pirandello, Quasimodo o De Filippo, può far prevalere, nel contesto europeo, per la sua crescita, sul retaggio di povertà e di depressione da cui tante volte, invece, è stato contraddistinto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *