lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Musica > “Memorie di un pazzo” di Gogol

“Memorie di un pazzo” di Gogol

memorie di un pazzo Sì è svolto giovedì il penultimo appuntamento  con gli spettacoli organizzati dal Comune di Pietra Ligure nell’ambito del circuito “La Riviera dei Teatri”. Roberto Tesconi ha portato in scena alle 21, al cinema teatro comunale Guido Moretti, “Memorie di un pazzo” di Gogol, testo che racconta la vicenda, al tempo stesso comica e tragica, del consigliere Popriscin, che in un crescendo di delirio arriva a credersi Ferdinando VIII, Re di Spagna. “Memorie di un Pazzo” scritto intorno al 1835, è un piccolo capolavoro tracciato su un filo che collega realismo, romanticismo, ironia, osservazione della vita quotidiana e voli di fantasia. L’adattamento e traduzione di Roberto Lerici, amico carissimo mai dimenticato, coglie in pieno la potenza espressiva dell’autore, dosando il patetico e l’ironico, il tragico e il comico. Aksentij Ivanovic Popriscin, così caricaturale, grottesco, infantile, fantasioso, è il personaggio che ho subito amato sin dalla prima lettura. Era il 1987, abitavo già a Roma ed ero ospite della famiglia Lerici, con la quale ho vissuto per un intenso e meraviglioso anno. Roberto Lerici aveva l’abitudine di leggermi-leggerci ogni testo che “ultimava”: ci riunivamo la mattina dopo nel suo studio e, come scolaretti attenti e disciplinati, ascoltavamo  la “prima“ lettura. Fu una di quelle mattine che mi lesse le “Memorie di un pazzo” e dopo la lettura mi disse: “Ecco questo è un testo adatto alle tue corde”. Gli promisi che l’avrei fatto.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *