lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Attualità > Mercato civico di Savona: idee per la rinascita

Mercato civico di Savona: idee per la rinascita

Al via la ricerca di soluzioni per il noto edificio

C’è tempo sino al 30 settembre per presentare al Comune di Savona idee e proposte progettuali per la valorizzazione e la riqualificazione dell’edificio che ospita il mercato civico di via Pietro Giuria. Ferma restando la destinazione a Mercato Civico del piano terra, con accesso da corso Mazzini, il Comune aveva,  lo scorso anno, stilato una procedura, anche tramite acquisizione di manifestazioni di interesse, per l’individuazione di progetti di utilizzo del piano seminterrato (con accesso da via Giuria)  e del primo piano, con l’obiettivo di affittarli, per scopi diversi, a soggetti che si assumano il carico degli interventi più urgenti all’interno della sala del mercato: dalla pavimentazione, all’ impianto di condizionamento, al ripristino degli impianti idrici.

Gli spazi disponibili potranno essere valorizzati con destinazioni d’uso ritenute compatibili con la funzione mercatale, quali iniziative artigiane e pubblici esercizi legati alla filiera alimentare come bar e ristorante. Le proposte dovranno indicare la disponibilità a realizzare tutti gli interventi di manutenzione e ristrutturazione edilizia necessari all’avvio delle nuove attività proposte ed a espletare le pratiche per il necessario procedimento per il cambio di destinazione d’uso in relazione alle nuove proposte.

Il mercato civico di Savona di Savona si estende su una superficie complessiva di circa 3.000 metri quadrati, oltre al terrazzo (1.083 mq). Secondo gli indirizzi approvati dal Comune, l’80% dell’intero immobile, pari a circa 2.400 mq., sarà interessato da una variante urbanistica con cambio di destinazione d’uso. L’immobile verrà assegnato in locazione (per una durata da stabilire in relazione all’ammortamento dell’investimento) ad un canone da cui verranno scomputati sia gli oneri per cambio destinazione d’uso, sia le spese di ristrutturazione dell’immobile destinate al suo risanamento. Gli interventi di ristrutturazione necessari sono stati stimati intorno ai 2,3 milioni di euro; gli importi saranno scomputabili dal canone d’affitto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *