giovedì, Aprile 18, 2019
Home > Musica > “Midnight in Paris” alla fortezza del Priamar

“Midnight in Paris” alla fortezza del Priamar


di - 23 Agosto 2012, 15:12

Il Savona Screen Festival 2012 prosegue la sua programmazione sul piazzale del Maschio, Fortezza del Priamar di Savona alle 21:30. Domani è il turno di “Midnight in Paris”, film vincitore del Golden Globe 2012 e del premio Oscar 2012 per la migliore sceneggiatura, di Woody Allen che vede protagonisti Owen Wilson, Rachel McAdams e Marion Cotillard.

Il prezzo del biglietto per la singola serata è di 3 euro. L’apertura dell’arena e delle biglietterie avverrà alle 20.30. In caso di maltempo le proiezioni saranno spostate nella sala del NuovoFilmstudio in piazza Diaz 46r, situata accanto al Teatro Chiabrera.

La trama

Gil, sceneggiatore hollywoodiano con aspirazioni da scrittore, e la sua futura sposa Inez sono in vacanza a Parigi con i piuttosto invadenti genitori di lei. Gil è già stato nella Ville Lumiêre e ne è da sempre affascinato. Lo sarà ancor di più quando una sera, a mezzanotte, si troverà catapultato nella Parigi degli Anni Venti con tutto il suo fervore culturale… Woody Allen, regista di tante raffinate commedie (che ultimamente sta ambientando nelle grandi città europee) torna a Parigi per raccontare una storia ironica e surreale: “Midnight in Paris” è un’opera insieme colta e semplice, poetica e divertente, in cui Owen Wilson, alter ego dell’autore, si ritrova a bere con Hemingway, Fitzgerald, Cole Porter e tante altre personalità del passato. Ricco di suggestioni che vanno al di là del gioco dei riferimenti e dei riconoscimenti, tra cui una riflessione sul valore artistico della città come opera d’arte in continua mutazione, il film racconta una Parigi formidabile. Quella di Allen è infatti una Ville Lumiêre da sogno, che raccoglie tutti i cliché romantici della più romantica delle città: le scalinate a Montmartre, i bouquinistes sulla Senna, i mercatini, la gente seduta nei caffè. “Midnight in Paris” è anche e soprattutto una meditazione sulla nostalgia come categoria dello spirito: attraverso i suoi dialoghi, prima cinici e poi totalmente stregati, Allen trova proprio nella necessità di liberarsi della nostalgia, di guardarla con ammaliato distacco, un rimedio per sopravvivere al presente. Al pessimismo del rimpianto sa opporre l’ottimismo della volontà. La volontà di innamorarsi qui e ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *