domenica, Settembre 15, 2019
Home > Attualità > Milano-Sanremo,emozione rivierasca…anche col vento di mare (….o Maccaja?)

Milano-Sanremo,emozione rivierasca…anche col vento di mare (….o Maccaja?)

La Milano – Sanremo, la classicissima di Primavera, come viene chiamata, è sempre emozionante e affascinante. Ricorda i tempi dell’infanzia ed i racconti dei nonni come ad esempio, aCelle, quando si riferiva che un certo Perata – meglio noto però con un pittoresco soprannome! – in gioventù forse brillante dilettante o ciclista che aveva interrotto la carriera, si accodava alla gara con la sua bicicletta, più o meno negli anni 1930!

E’ sempre uno spettacolo vedere sfilare il serpentone dei ciclisti, quest’anno duecento, che affrontano le tortuose strade della Riviera per giungere al traguardo di via Roma, a Sanremo.

Quest’anno la volata spettacolare del polacco Michał Kwiatkowski ha assegnato alla Polonia la prima vittoria alla gara privando ancora una volta il simpatico slovacco Peter Sagan, al secondo tentativo di spuntarla, dopo l’edizione 2013, della soddisfazione di arrivare primo. Sarà per un’altra volta, magari la prossima! 

Ci siamo comunque goduti lo spettacolo di vedere il nostro litorale con tutto il suo splendore di scogliere, pinete, spiagge, città e paesi che, visti in televisione, “sono proprio belli davvero”, visto che noi magari, che siamo del posto e per noi è abituale, a volte non ci soffermiamo troppo a guardare!

Seppure la giornata fosse un tantino grigia la Riviera è sempre suggestiva ed attraente!

A proposito di giornata grigia, sabato soffiava un po’ di vento di mare ed i cronisti della telecronaca hanno riferito che in Liguria tale tipo di clima viene definito “macai”, comeuno di essi ha detto, venendo prontamente corretto dal collega che ha parlato invece di “macaja” o di “maccaja”; ebbene allo scrivente, rivierasco e da sempre parlante dialetto, sembra inesatta la diffusione del termine che si è fatta, anche da parte degli stessi esponenti dell’ARPAL che si sono compiaciuti di divulgare il termine e nonostante compaia, non so sino a quanto a proposito, in canzoni di illustri autori e sia il titolo di un romanzo; io ricordo che con “maccaja”, – forse dal latino “malacia”– si è sempre definito un particolare tempo di bonaccia, senza ventilazione e che, a dire la verità è oggi più raro, come il freddo mitico di cui si parla spesso senza riferire quando era così consueto e come la nebbia in Lombardia che, dicono, non sià più così fitta, coprente e opprimente come è divenuta famosa…

E poi nessuno che abbia pratica di dialetto pronuncia in modo corretto il termine che,  nel sentito dire diventa, mezzo italianizzato, “maccàia” con l’accento sulla seconda “a”; invece è “maccaja”, dove accentata sarebbe la J, semiconsonantica.  Contesto tutto quindi, sino a prova contraria e, quando soffia vento di mare: “u l’è ventu de ma, nu maccaja...”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *