venerdì, agosto 17, 2018
Home > Cultura > Milena Milani-Cento anni d’arte e di vita

Milena Milani-Cento anni d’arte e di vita


di Gabriella De Gregori - 11 febbraio 2018, 10:11

Milena Milani

In occasione della mostra allestita da Carla Bracco e Renata Guga-Zunino al Palazzo del Commissario nella Fortezza del Priamar si è voluto ripercorrere la straordinaria carriera e momenti di vita di una nostra illustre concittadina: Milena Milani. La personalità della poliedrica artista ha dato vita ad un vivace dibattito sulla Sua personalità complessa. Ma al di sopra e al di fuori di certi aspetti caratteriali e esistenziali  dobbiamo prendere atto, per il fatto che molti di noi abbiamo avuto occasione in più di un avvenimento, in più di un evento  di avvicinarla, che quello a cui teneva e tiene ancora è l’eredità concreta che ha lasciato alla città : uno scrigno prezioso di opere di grandi artisti del Novecento.

Questo è il suo testamento : la sua determinazione è coltivare le manifestazioni artistiche nei momenti migliori e conservarle per le generazione future. Questo concreto atto racchiude tutte le motivazioni per cui ha vissuto come donna, come artista e come savonese, fuori dagli schemi, con puntiglio in una dimensione

fuori dalla retorica dell’esistenza. Solo chi vive l’arte dentro di se o sulla sua pelle può percepire l’intenzione e la vocazione che Le ha fatto percorrere un itinerario difficile ma pieno di successi. Si potrebbe parlare di fede nell’arte senza esagerare, in una sua visione di assoluta superiorità della creazione artistica fra le tante manifestazioni umane: l’artista è demiurgo ma a patto che sia sinceramente convinto che l’arte è, è stata e sarà fine a se stessa  e priva di compromessi. Perciò percorrendo le sale dove sono esposte le opere che ci ha donato e visitando la mostra che ci è stata offerta in questi giorni dovremo porci molte domande e cercare molte risposte attraverso la sua esperienza di donna, scrittrice e promotrice di artisti e anche e soprattutto protagonista del Novecento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *