domenica, Marzo 24, 2019
Home > Attualità > minori stranieri non accompagnati: il sindaco Caprioglio porta il “caso Savona” al forum di Save the Children

minori stranieri non accompagnati: il sindaco Caprioglio porta il “caso Savona” al forum di Save the Children


di Redazione - 18 Giugno 2017, 8:00

ll sindaco Ilaria Caprioglio parla del “caso Savona” al Forum nazionale di
Save the Children a Milano, dedicato alla tematica dei minori stranieri non accompagnati “Proteggere, accogliere, crescere insieme – L’attuazione della nuova legge per i minori stranieri soli”.
L’iniziativa era dedicata a tematiche di attualità quali protezione,
accoglienza e integrazione dei minori stranieri non accompagnati in
Italia. Tra i relatori dell’evento, Claudio Tesauro, presidente Save the
Children e l’on. Sandra Zampa, vice presidente della Commissione
parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza e prima firmataria della legge
per i minori stranieri non accompagnati.

L’intervento del Sindaco Caprioglio, ospite di Palazzo Marino, era
all’interno del workshop delle 14.30, sull’argomento “Affidamento
familiare e tutori volontari: il ruolo attivo delle comunità locali”.

Nel caso di Savona, i minori stranieri non accompagnati hanno inciso per
circa 300 mila euro sulle finanze dell’ente nel 2016. “Ho parlato della
nostra esperienza diretta con i minori stranieri non accompagnati,
mettendo in evidenza la nostra proposta, già avanzata al Ministro Minniti
nel corso della sua visita in Liguria, per la creazione di uno ‘Sprar
minori’ a livello distrettuale, che consentirebbe di gestire meglio il
fenomeno, al fine di governare e non subire il problema che è di attualità
nazionale, dato che 1 migrante su 6 in Italia è un minorenne solo e non
accompagnato”, racconta il Sindaco Caprioglio.

“L’affido omoculturale sarà una nuova sfida su questo fronte. Serve
avviare un percorso di sensibilizzazione e comunicazione, sviluppando
sinergie con le associazioni costituite da cittadini immigrati”, prosegue
il Sindaco. “Ho inoltre evidenziato le notevoli difficoltà che abbiamo, a
collocare in affido minori stranieri non accompagnati di 16/17 anni come
quelli presenti nel nostro territorio. Una problematica di particolare
importanza, specialmente per i Comuni che si trovano in difficoltà
economiche o in pre-dissesto finanziario”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *