martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Attualità > Molto meglio fare l’idraulico o il muratore che avere un diploma o una laurea

Molto meglio fare l’idraulico o il muratore che avere un diploma o una laurea

crisi lavoro italia

di Carlo Colla

Venti-trenta anni fa’ si diceva che era molto meglio avere fra le mani un mestiere che essere in possesso di un diploma o di una laurea.

In Italia, ai giorni nostri, il 52% dei laureati non lavora: un tristissimo primato che deteniamo a chiara dimostrazione di come manchino il lavoro e l’occupazione.

Prendere una laurea  equivale a precise scelte di vita che comportano rinunce e spirito di sacrificio: peccato che il mondo del lavoro non offra nessuno sbocco.

Tantissimi ragazzi diplomati e laureati sono senza occupazione, mantenuti dalla famiglia; una prospettiva di vita difficile e continue umiliazioni a cui i giovani sono soggetti non potendo disporre di uno stipendio.

Una dignità che i nostri ragazzi hanno perduto e che li porta fin troppo spesso a non credere più a nulla ed a nessuno e a sentirsi sempre più rabbiosi nei confronti di una società che non affronta seriamente la loro posizione.

La realtà “nuda e cruda” è quella che verifichiamo ogni giorno nella nostra realtà, nelle nostre amicizie; una realtà che ci dimostra che il lavoro non è in aumento e che viene perso anche da coloro che già sono occupati.

Ai giovani d’oggi non resta che capire che occorre entrare in possesso di un mestiere capace di garantire loro un reddito, meglio quindi frequentare una scuola professionale. Lavorare come operaio, elettricista, idraulico, muratore, cuoco o cameriere è importante e qualificante in una società ove non conta più essere in possesso di un diploma o di una laurea.

Questa è l’Italia che stiamo offrendo ai nostri giovani, senza prospettive e certezza che cerca di sopravvivere in un mondo che diviene sempre più selettivo e crudele.

Cari ragazzi, torniamo a fare i contadini e gli artigiani, a crearci un mestiere perché l’epoca dei “pezzi di carta” tanto agognata dai nostri genitori, è davvero finita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *