martedì, Gennaio 22, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > Monsignor Charamsa: ingiustamente condannato

Monsignor Charamsa: ingiustamente condannato


di Carlo Colla - 15 Novembre 2015, 9:01

Fra i tanti scossoni che agitano negli ultimi tempi il mondo della Chiesa cattolica, quello di Monsignor Charamsa Olaf (oggi non più Monsignore) che si è dichiarato essere gay presentando nella conferenza stampa anche il suo compagno. È senz’altro il più eclatante.
Anzitutto, a prescindere da ogni possibile personale interpretazione, credo che saremo tutti concordi nel levarci “tanto di cappello” a un prete, peraltro “in carriera”, docente universitario e uomo di grande cultura, che ha avuto il coraggio (non so davvero quanti come lui ce lo avrebbero) di metterci la faccia davanti al mondo, dichiarando apertamente quello che lui è, dichiarando il suo amore verso una persona dello stesso sesso, senza nascondersi, senza fuggire dalla sua realtà.
Quanti come lui si sarebbero comportati così? Quanti preti, nelle sue stesse condizioni, continuano a nascondersi o a far finta di niente per paura di perdere i voti o di essere derisi e scherniti?
Sul mondo dell’omosessualità si apre, ma in realtà è aperto da molti anni, un dibattito e una tavola rotonda infinita, dove ognuno di noi al di là della propria fede, ha le proprie idee che sono frutto educazioni diverse, di apertura mentale diversa e di esperienze di vita diverse.
Il problema è quello di essere contro i gay o di accettarli come persone del tutto normali con una sessualità diversa della nostra, ma degni del massimo rispetto che, peraltro, va e andrebbe portato a tutte le persone, soprattutto se non hanno fatto nulla di male.
Ebbene Monsignor Charamsa ci risulta non abbia mai fatto male a nessuno: ha servito la chiesa come meglio poteva, non ha insidiato e disturbato nessuno, ha lavorato onestamente dando un importantissimo contributo alla cultura ed all’università ecclesiastica dove ha lavorato per molti anni, rispettato e apprezzato da tutti.
Ma allora, in definitiva, qual è stata la sua colpa?
Quella di aver rivolto il suo affetto ed il suo amore ad una persona del suo stesso sesso a cui si sentiva legato perché la sua natura così gli ha imposto.
Ben sapeva Monsignor Charamsa che la Chiesa non poteva accettare tutto questo poiché contrario ad una “morale” assurda e arcaica: sappiamo tutti molto bene che l’amore, quello vero, va al di là di ogni moralismo, soprattutto quando quest’ultimo è ottuso e miope.
Chi ha visto il filmato dell’intervista rilasciata dallo stesso Monsignor Charamsa non può non essere rimasto toccato e scioccato dalle sue parole, pronunciate con una serenità ed una convinzione sconvolgente, con un’umiltà ed uno spirito di sottomissione degne, comunque, di una persona a cui, in ogni caso, va dato e concesso il massimo rispetto.
Monsignor Charamsa non ha chiesto perdono per questa sua relazione considerata da molti fuori luogo, quasi come se gli uomini di chiesa fossero esseri umani diversi dagli altri, fatti non di cuore e di carne ma di ferro e acciaio. Il Monsignore ha chiesto alla Chiesa ed al Santo Padre di rivedere questa materia così complessa e così vasta da dover essere circoscritta a poche realtà. E la Chiesa , a mio parere, farebbe bene a far suo questo messaggio, smettendola di continuare a far esistere (seppur velato e nascosto) il tribunale dell’ “inquisizione” mettendo al rogo, non più le streghe, ma i gay e le lesbiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *