martedì, Aprile 23, 2019
Home > Cultura e Musica > Mostra all’Atelier d’Arte Michela Savaia Albisola e l’Europa

Mostra all’Atelier d’Arte Michela Savaia Albisola e l’Europa


di - 3 Novembre 2011, 10:19

Giovedì 3 novembre, alle ore 18.00, presso Atelier d’Arte Michela Savaia Albisola e l’Europa, Albisola (SV), inaugurazione del 8° step del progetto “CENTOCINQUANTAX150moX150mm.”. In mattinata, alle ore 11.00, presso la Sala del Consiglio Comunale di Savona – lato pubblico – la presentazione dell’evento.

Il progetto, ideato da XX.9.12 FABRIKArte, in questo passaggio vede la direzione artistica della Fondazione Milena Milani in memoria di Carlo Cardazzo e dell’ Associazione Albisola Arte e Cultura. In mostra un’installazione di 150 opere d’arte che percorrono tutte le forme di arte visiva, le arti calligrafiche e la poesia. “CENTOCINQUANTAX150moX150mm.” è un work in progress itinerante declinato in 12 eventi compresi tra giugno e dicembre 2011, in un percorso tutto italiano. Il codice di accesso, il numero 150, sta ad indicare le differenti vie che portano ad un’unione che non sia meramente celebrativa: 150 opere d’arte visiva, 150mo dell’unità d’Italia, 150×150 millimetri la misura della singola opera d’arte. E’ proprio il concetto di unione il filo conduttore dell’intero progetto: l’unione di artisti, l’unione di curatori, l’unione di spazi, l’unione di associazioni, l’unione di Enti. L’unione di idee. “CENTOCINQUANTAX150moX150mm.” è un progetto che si oppone al “disservizio” culturale, che dimostra l’esistenza di una reale possibilità di fare arte in maniera concreta e trasparente. Il progetto non impone, infatti, una mostra collettiva sui generis, anzi, contrasta le collettive selvagge che di questi tempi spadroneggiano nello scenario dell’arte contemporanea. Gli artisti non si trovano quindi a condividere solo uno spazio, ma cooperano nel creare un’unica opera: dall’idea di mostra collettiva, all’idea di opera collettiva. Questa idea di arte democratica, si afferma anche nella perfetta fusione tra artisti con affermato background culturale e giovani talenti emergenti che, in questo modo, hanno la possibilità di confrontarsi e di fare esperienze forti e costruttive. Per altro il concetto di democrazia dell’arte viene, in questo modo, esteso anche al pubblico che ha la possibilità di avvicinarsi all’arte contemporanea (purtroppo ai nostri giorni destinata agli addetti ai lavori) in maniera semplice e accessibile. Tra i 150 artisti partecipanti sono presenti anche 15 nomi di ispiratori storici che, concettualmente, rappresentano il legame tra passato e presente, legame reso possibile attraverso l’arte. Durante il progress questi 15 personaggi cederanno simbolicamente il testimone ad artisti di oggi, decretando quei valori di condivisione che rendono possibile l’unità di pensiero e di azione. Seguendo il tema dei passi, passi individuali e collettivi che si susseguono attraversando spazi e tempi diversi, si costruisce un percorso che, quando interseca quello dell’altro, costituisce il nuovo possibile cammino. Visitabile dal 3 al 10 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *