Cultura e Musica

Mostra personale di Eliseo Rovatti a Finalborgo

Si intitola “Percorsi Visivi. Dalle chine di Finale all’astrattismo costruito” la personale di Eliseo Rovatti organizzata dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Finale Ligure all’Oratorio de’ Disciplinanti di Santa Caterina in Finalborgo (fino al 10 marzo, ore 15-20, chiuso il lunedì). “Le immagini liriche che Rovatti costruisce sono la traduzione reale dell’irrealtà dei nostri sogni. – si legge nella presentazione – Il momento creativo di noi tutti quando dormiamo è fatto solo di due “colori”: il bianco e il nero. Il momento creativo è formato da una “non intelligenza”, da un “non pensiero reale” della parte più profonda del nostro essere, senza alcun controllo, quindi momento di percezione pura.

I contorni dei suoi disegni, come nei sogni, sono aboliti per costruire forme attraverso luci e ombre. Forme senza dettaglio, sculture di luce. Eliseo Rovatti è nato il 12 gennaio 1940 a Fiume (Rijeka) e risiede a Milano. Dopo aver frequentato l’istituto per Geometri Carlo Cattaneo, si diploma alla Scuola d’Arte e Mestieri del Castello Sforzesco. Nello stesso periodo lavora presso uno studio pubblicitario di cartellonistica sotto la guida di Gilberto Bassoli dove impara a tenere in mano i pennelli. L‘incontro con Giancarlo Spozio, un pittore che lavora con lui e il fatto che lo studio fosse nella fumosa periferia di Milano, gli fa amare i gasometri e le case dormi¬torio: inevitabile quindi l’amore per Sironi, di cui cerca di imitare lo stile. Dopo pochi anni viene assunto alla Mondadori in qualità di grafico. Qui conosce un altro pittore che gli fa conoscere i surrealisti (Dali’, Magritte) e per diversi anni la sua pittura ha questo orientamento. Ma la pittura non gli basta. Si dedica con successo al fumetto, pubblicando su Horror, Sorry, Il Mago, e alla realizzazione di libri per bambini, di cui realizza testi e illustrazioni. A Panorama, dove lavora, conosce Giorgio Lotti che lo sprona alla fotografia. Da New York, dove viene mandato dal giornale per due mesi, ritorna con ottimi lavori e anche qualche foto mossa o bruciata. Ma è proprio da queste foto, che per intuizione egli conserva, che gli arrivano le maggiori soddisfazioni. Infatti, la trasformazione in arte delle immagini fotografiche è inscritta in questo percorso: sono (erano) una raccolta privata, nata come accumulazione dì singolarità dovute al caso. Pellicole esposte a colpì di luce imprevisti, effetti casuali del movimento della macchina in fase di ripresa, doppie esposizioni, scherzi di inquadratura, che restituiscono dalla pellicola una realtà difforme rispetto a quella percepita dallo sguardo. Avrebbero forse potuto essere, di per sé, arte concettuale: pura manipolazione mentale di un oggetto-immagine che sparisce per diventare l’idea che lo ha pensato. Ciò che ha trattenuto queste icone al di qua della soglia della pura produzione mentale, felicemente conservandole tra i manufatti artistici, è la disponibilità di uno strumento più sottile di un pennello da ritocco, più “leggero” perfino della mano d’artista che sposta, ricolloca e decontestualizza agendo materialmente sulla cornice dell’opera: il computer. L’intervento che esalta i colori, le forme, quindi significati iconografici, è la seconda tappa della trasformazione. E la discrezione, il controllo, l’intimità del contatto tra l’originale e lo strumento tecnologico indicano un sentiero lontanissimo dal neo-brutalismo o dagli opposti manierismi virtuosistici della computer-art più dichiarata. Ci guadagna la sottigliezza: delle suggestioni, delle inquietudini, delle forme, delle atmosfere restituite, dopo il passaggio attraverso due mezzi tecnologici e una mente d’artista, col certificato di provenienza da un mondo parallelo, vicinissimo ma inequivocabilmente alieno. La terza e definitiva tappa è la stampa digitale su tela con colori acrilici di immagini astratte. La raffinata essenza dell’astrattismo divenuta il suo nuovo mezzo d’espressione. La sua ricerca interiore è il non-pensiero, è l’osservazione attenta a tutto quello che lo circonda. Non ricerca qualcosa, è solo un fabbricante di immagini, mentre le fabbrica le guarda e mentre le guarda esse gli devono piacere. Le forme specchiati di alcune opere non solo altro che strumenti che riflettono ciò che si presenta loro avanti, dove soggetto e oggetto si fondono in un’unica realtà. Non c’è dubbio che, soprattutto nelle prime opere strutturali (2000) egli sia stato influenzato dallo spirito zen (l’utilizzo di materiali quali l’oro “yang” e l’argento “ying”) e più in generale da quel tipo di culturale che trova le sue radici più profonde nell’estremo oriente. Nelle ultime opere strutturali la forma di comunicazione visita è accattivante soprattutto perché necessita, al fine di essere pienamente compresa, di un’interazione tra opera e fruitore”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: