mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Sport > Moto GP: il racconto del weekend

Moto GP: il racconto del weekend

IL weekend austriaco appena trascorso offre numerosi riflessioni riguardo al campionato. In moto3 continua il dominio di Joan Mir, giovano spagnolo giunto ormai alla settima vittoria stagionale. Si è dimostrato capace di vincere in ogni tipo di condizione e in qualsiasi situazione, riuscendo a ridicolizzare piloti ben più esperti come Romano Fenati, il quale è alla sua quinta stagione in moto3. Sulla stessa lunghezza d’onda Franco Morbidelli primeggia per la settima volta in moto2, dimostrandosi pilota pronto per il salto in moto GP dell’anno prossimo. Tuttavia, la gara della classe regina è stata di gran lunga la più pazza ed ha fornito spunti interessanti per il proseguimento del campionato. Andrea Dovizioso, dopo un eccezionale duello con Marc Marquez, ha vinto riducendo a soli sedici punti, in classifica generale, il distacco dallo spagnolo. Mai come quest’anno, l’italiano sembra aver raggiunto una completa maturazione. Desmodovi conosce alla perfezione la propria ducati, avendola sviluppata in prima persona negli ultimi anni ed è in grado di combinare la straordinaria potenza del proprio motore, con il suo delicato e dolce stile di guida. Andrea ha lasciato da parte il proprio raziocinio, per tuffarsi in una lotta all’ultima carenata, dimostrandosi maturo e pronto a battagliare ogni domenica per raggiungere il proprio sogno. D’altra parte, Marquez continua nel suo gran momento di forma, aiutato da una moto, la Honda, la quale appare ad oggi la più completa. Il rovescio della medaglia è costituito dalle Yamaha: altra disastrosa prova per Valentino e Maverick, arrivati rispettivamente settimo e sesto. La YZr-M1 consuma troppa la gomma posteriore con il caldo, causando un continuo scivolamento, in uscita di curva, da metà gara in poi. Questa situazione risulta paradossale, visto che la versione 2016 ,guidata da Zarco, sembra risentire molto meno di questo problema. Infatti, il pilota francese ha spesso preceduto i due piloti ufficiali in condizioni di temperatura elevata. Ad ogni modo il mondiale resta ancora aperto e si preannuncia divertente e imprevedibile come non mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *