mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Economia > Nel 2011 98 imprese in più

Nel 2011 98 imprese in più

Nel corso del 2011 la provincia di Savona ha visto aumentare, sia pure marginalmente, il numero delle aziende iscritte al Registro delle imprese. Il dato provinciale, comunicato oggi da Unioncamere, indica in 32.062 il numero complessivo al 31 dicembre 2011, con un incremento di 98 unità, pari allo 0,3 per cento, rispetto alla fine dell’anno precedente. L’aumento medio è stato più elevato sia a livello nazionale (+0,82%) sia a livello ligure (+0,67%). Quest’ultimo è stato trainato dalle province della Spezia (+1,08%) e di Genova (+1,05%), mentre Imperia ha fatto registrare una leggera contrazione (-0,16%).

La crisi di fiducia che dalla metà del 2011 ha colpito il nostro e gli altri Paesi dell’eurozona – spiega in una nota Unioncamere – ha rallentato ma non fermato la voglia di fare impresa degli italiani. Tra gennaio e dicembre dello scorso anno i registri delle Camere di Commercio hanno rilevato la nascita di 391.310 imprese, a fronte delle quali 341.081 hanno cessato l’attività. Il saldo di fine anno ammonta pertanto a 50.229 imprese in più che portano il totale dello stock di imprese esistenti al 31 dicembre 2011, al valore di 6.110.074 unità. In pratica un’impresa ogni dieci abitanti.
Se rispetto al 2010 il dato certifica un rallentamento della vitalità del sistema (+0,8 contro +1,2% il tasso di espansione della base imprenditoriale), va detto però che il bilancio del 2011 è stato comunque migliore di quelli del triennio 2007-2009, quando la crescita media si è aggirata intorno allo 0,5%. A determinare la minore crescita dello stock è stata principalmente la più ridotta dinamica delle aperture (diminuite di circa 20 mila unità rispetto al 2010), mentre ha inciso meno l’aumento delle chiusure (solo 3 mila unità rispetto all’anno precedente). Fa eccezione il Mezzogiorno, dove queste dinamiche appaiono invertite: a determinare la riduzione del saldo annuale – comunque positivo per oltre 13 mila imprese – è stato infatti l’aumento delle cessazioni rispetto al 2010, mentre meno hanno inciso le minori iscrizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *