lunedì, settembre 24, 2018
Home > Sport > Arti Marziali > Nel Savate ancora un successo Internazionale per la vadese Chiara Vincis

Nel Savate ancora un successo Internazionale per la vadese Chiara Vincis

Venerdì con il coach Andrea Scaramozzino sarà in Francia per gli Europei di Savate


di Redazione - 13 giugno 2018, 8:02

Continuano i successi per Chiara Vincis. La giovane vadese, portacolore del Kick Boxing Savona continua il suo cammino verso l’olimpo delle più forti fighter al mondo. A soli 23 anni di età vanta già un palmarès di tutto rispetto con circa 57 match fatti e 40 successi, tra i quali alcuni per ko. Questo periodo è stato particolarmente intenso: ecco le ultime imprese dell’atleta di punta della rinomata Asd Kick Boxing Savate Savona del maestro Andrea Scaramozzino. Sabato 19 maggio a Pescara ha vinto la sfida per le selezioni di Oktagon 2018 contro la forte atleta di casa Miriam Vivarini in un match di k1 a cinque riprese da tre minuti, venerdì 25 maggio è stata premiata in Sala Rossa del comune di Savona con il premio Renato Alluto riconosciuto solo ai migliori sportivi savonesi per poi passare a sabato 2 giugno dove a Blagnac, in Francia, per un galà internazionale nella disciplina di savate pro, Chiara Vincis si è scontrata contro la forte atleta di casa Shirley Alarcon in un match di cinque riprese da due minuti. Chiara lo ha vinto con giudizio ad unanimità dei giudici francesi. Afferma il maestro Andrea Scaramozzino:”“Per la nostra atleta è ancora presto parlare di ferie perché già giovedì 14 giugno è fissata la partenza direzione Pamiers, in Francia, per i campionati europei di savate,dopo di che Chiara sarà impegnata in un torneo ad eliminazione contro altre tre forti atlete italiane ad Aosta e ancora, qualche settimana dopo, nella finale del campionato europeo Iska di K1 nuovamente in Francia”. L’Asd Kick Boxing Savate si conferma quindi un’eccellenza della Savona sportiva: Chiara Vincis sta facendo parlare di sé in tutto il mondo, portando in alto il tricolore, sempre sulle sue spalle durante il verdetto; un plauso va anche al maestro Andrea Scaramozzino che con sacrificio e senza sponsor porta la sua atleta anche a proprie spese a tutti gli impegni sportivi ai quali viene convocata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *