lunedì, Febbraio 24, 2020
Home > Attualità > Novant’anni fa’: il processo di Savona

Novant’anni fa’: il processo di Savona

Oggi 13 ottobre, alle 16,30, presso la Libreria Ubik di Savona, si tiene un incontro in occasione dell’anniversario del famoso processo,  celebrato dal 9 settembre 1927, tra l’altro l’ultimo con la partecipazioni di giudici ordinari per reati politici, prima che il regime fascista istituisse il Tribunale Speciale, Scena del processo fu Palazzo Santa Chiara, sede degli uffici giudiziari sino a pochi decenni fa; altrettanto famosi gli imputati: Sandro Pertini, Filippo Turati, Ferruccio Parri, i fratelli Carlo e Nello Rosselli; alle 16,30  verrà proiettato il film inedito “Il Processo di Savona” di Vico Faggi, del 1966 e sarà in esposizione esclusiva il documento originale della sentenza del processo. Seguirà,alle 18,00, un incontro cui parteciperanno Giuseppe Milazzo,storico e biografo di Sandro Pertini, e Valerio Gennaro, nipote del Presidente del collegio giudicante Pasquale Sarno.

Sono passati 90 anni dal “processo di Savona”, tenutosi dopo la fuga all’estero di Filippo Turati. Una fuga organizzata da Sandro Pertini, Ferruccio Parri, Carlo Rosselli, Lorenzo Dabove, Ettore Albini con altri meno noti oppositori al fascismo. I fuggiaschi, latitanti, e coloro che li aiutarono nella fuga, furono rinviati a giudizio davanti al Tribunale di Savona con l’accusa di cospirazione.

Il processo fu istruito in breve tempo presso il Tribunale di Savona, negli ambienti di quel Palazzo Santa Chiara in servizio sino agli anni 1980. Fu l’ultima volta in Italia che gli imputati si trovarono di fronte magistrati ordinari, fu la prima volta in cui il regime fascista venne sconfitto da una condanna lieve: Sandro Pertini, fino ad allora giovane e coraggioso avvocato che sfidava gli uomini in camicia nera nella sua città, diventa, uno dei nemici pubblici più invisi al regime: è da lì che si può dire inizi la Resistenza e Pertini ne diviene uno dei protagonisti

Dal 9 al 13 settembre si svolse il processo. Le udienze si tenevano  in un clima teso, sotto l’ombra cupa  della reintroduzione della pena di morte per reati politici, ma allo stesso tempo in un’ atmosfera sorprendente per la prova di indipendenza e di autonomia che diedero i giudici. Il pubblico ministero chiese 10 anni di carcere, la corte li condannerà a soltanto 10 mesi di carcere, perché -si legge nella sentenza- Turati come Pertini viene sì considerato prigioniero politico, ma con l’attenuante di essersi recati in Francia per curarsi.

Fuori da Palazzo Santa Chiara centinaia di savonesi aspettarono il verdetto e applaudirono sotto gli sguardi dei fascisti. I quali si vendicheranno presto, con l’assassinio dei fratelli Rosselli, uccisi in francia da estremisti di destra, con la connivenza, ormai appurata, dal regime. Ma nessuno riuscirà a spenera la voce di Sandro Pertini, né della gente di Savona, città che subì una lunga serie di condanne proprio dal Tribunale Speciale.

A cura di ISREC Istituto Storico della resistenza, ANPI Associazione Partigiani, e UBIK. Il giorno di domani, sabato, 14 ottobre, dalle ore 15,00,  con inizio da piazza Sisto IV, si svolgerà il “corteo antifascista”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *