lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Sport > Calcio > Numero 12. A tu per tu con Tommaso Germano, secondo portiere del Mallare

Numero 12. A tu per tu con Tommaso Germano, secondo portiere del Mallare



di Michael Traman - 6 dicembre 2017, 9:20

Don Diego de la Vega o, per essere più chiari, Zorro, avrebbe potuto combinare ben poco da solo. O meglio, il talento con la spada, l’agilità nello scansare gli scagnozzi dell’ “Alcalde” e l’arguzia per prendersi gioco del goffo Sergente Garcia erano doti innate che gli permettevano di prevalere. Ma quante volte si è rivelato fondamentale l’aiuto e l’intuito del fidato Bernardo? Eh sì, l’amico muto di Don Diego che agisce nell’ombra spiando e consigliando l’eroe dalla maschera nera. Forse, senza di lui, la volpe (che si dice Zorro in spagnolo) sarebbe stata spesso messa nel sacco.

Il compito del secondo portiere è molto simile a quello del leggendario Bernardo. Se, tra i pali, spicca per doti atletiche e tecniche il numero uno, il vice, per interpretare il ruolo in maniera efficace, deve riuscire a creare una mini squadra con il collega e diventarne il braccio destro su cui fare affidamento, con cui confidarsi e con cui creare complicità. Due compiti diversi. E non è detto che fare l’uno sia più difficile di fare il dodici. Anzi, credo proprio il contrario.

Abbiamo parlato di tutto ciò con Tommaso Germano, classe 1993 e secondo portiere del Mallare calcio, squadra che sta passando un periodo sfortunato nel campionato di Seconda Categoria.

Quanto è difficile rimanere sempre concentrati?

Mantenere sempre la concentrazione non è facile. Bisogna entrare la domenica nello spogliatoio sempre concentrati al massimo e farsi  trovare pronti perché non si sa mai quando si verrà  chiamati in causa.Diciamo che è molto una questione psicologica: se uno è pronto con la testa è più facile entrare in campo in qualsiasi occasione.

Come ti trovi con Gianluca Astengo?

Per quanto mi riguarda, ma credo che per lui valga la stessa cosa, c’è un ottimo rapporto. Ci si trova bene durante l’allenamento, si lavora bene e si scherza anche. Tutto alla perfezione!

In che modo si può essere importanti per la squadra non venendo quasi mai chiamati in causa?

Si può contribuire alla causa della squadra alla domenica caricando i compagni e dandogli magari qualche consiglio. Una cosa molto importante è saper fare gruppo. Aiutare il gruppo a rimanere sempre unito sia quando si vince, sia quando si perde.

Un bel precampionato, un discreto inizio e ora una “crisi”, come deve fare il Mallare per risalire la china?

Non è un periodo molto felice per noi. Tuttavia, i giocatori per fare bene ci sono così come  il gruppo. Sono sicuro che con il lavoro e la concentrazione giusta usciremo da questo periodo sfortunato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *