mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Attualità > Numero chiuso sulle spiagge: arriva la proposta di Alassio e Laigueglia

Numero chiuso sulle spiagge: arriva la proposta di Alassio e Laigueglia

Continuano gli sforzi dei comuni di Alassio e Laigueglia per tamponare il flusso incontrollato dei turisti domenicali “mordi e fuggi”, che oltre a non giovare in alcun modo all’economia rivierasca, creano seri problemi alla viabilità. Per non parlare dei lidi, caotici e spesso non attrezzati ad accogliere un numero sproporzionato di bagnanti.
L’idea dell’alassino Enzo Canepa e del laiguegliese Franco Maglione è in linea con quella di altre località: garantire la sicurezza con una limitazione degli accessi, sulla scia delle Cinque Terre insomma. Ne gioverebbero il turismo delle seconde case (realtà molto rilevante) e il turismo in generale, quello vero s’intende.
Le amministrazioni hanno così redatto un regolamento contenente due proposte: richiesta di limitare il numero di bus ammessi in entrata, con lo scopo di garantire maggiore sicurezza stradale; controllo e limitazione degli accessi alle spiagge libere.

“Si propone di limitare a due o tre i pullman del weekend (si sarebbero già individuate aree parcheggio in cui far sostare i mezzi, in particolare a Villanova d’Albenga) e si ipotizza anche un numero chiuso in spiaggia con tanto di steward a controllare gli accessi, un po’ come succede allo stadio”, dice Enzo Canepa.
“Laigueglia non è in grado di assorbire tutte queste presenze – fa eco il sindaco Maglione –. Dopotutto non esiste bene che non sia normato, e ciò deve valere anche per le spiagge. Si stabilisca il numero massimo di persone ammesse a metro quadro, siano date delle direttive per potersi godere giornate di relax senza rischi per la sicurezza. Il mio è un appello alla prefettura e alla Regione: non sono arrabbiato, sono preoccupato”.

I miglioramenti sembrano esserci stati: “Grazie ai controlli delle forze dell’ordine ai caselli autostradali, l’arrivo dei bus è un pochino diminuito – dice il sindaco Canepa –. E’ necessario però regolamentare le presenze sulle nostre spiagge libere che per numeri sono paragonabili a quelle delle manifestazioni di richiamo e rappresentano dunque un possibile rischio sotto i profili di ordine pubblico, igiene e sicurezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *