Il 14 dicembre entrerà in vigore il nuovo regolamento Ue sul “passaporto verde”; per fornire la più ampia informazione sul nuovo quadro normativo e consentire una applicazione progressiva e il meno onerosa possibile per le imprese florovivaistiche, Cia Agricoltori Liguria ha organizzato due incontri divulgativi che si terranno ad Albenga (sede Cia, regione Torre Pernice 18.00, venerdi 15 novembre alle ore 17.00) e ad Imperia (sede Cia, via Schiva 48, martedì 26 novembre alle ore 17). Una ulteriore iniziativa è stata annunciata dalla Regione Liguria per mercoledì 20 novembre (ore 15.00) presso la sede della Coop Ortofrutticola ad Albenga.

Il nuovo regolamento Ue (2016/2031) è particolarmente atteso dal settore florovivaistico italiano in considerazione dei numerosi, nuovi obblighi introdotti che andranno ad interessare l’intera filiera, con l’obiettivo di scongiurare il ripetersi di emergenze fitosanitarie come Xylella, che è costata milioni di euro di danni e ha messo a rischio le nostre produzioni olivicole.

All’entrata in vigore del regolamento, tutti i produttori, definiti “Operatori Professionali”, dovranno emettere un passaporto di accompagnamento dei raccolti movimentati nell’Unione Europea, secondo un formato che sarà unico per tutto il territorio dell’Unione e dovranno essere iscritti con un codice “uniforme” al nuovo registro. L’obiettivo del passaporto non cambia rispetto al passato, a garanzia della sanità delle piante prodotte. La novità è il maggior numero di soggetti coinvolti negli obblighi e l’estensione del passaporto a tutte le piante, i prodotti vegetali e anche ad alcuni dei materiali utilizzati.

“Sia il passaporto che l’iscrizione al Ruop (Registro Ufficiale degli Operatori Professionali,n.d.r.) di tutti gli operatori della filiera dovranno servire a ricostruire la catena delle responsabilità e evitare sia l’introduzione che la diffusione di fitopatie delle piante – spiega Aldo Alberto, presidente nazionale dell’Associazione dei Florovivaisti Italiani -. Con la diffusione di una guida pratica, l’associazione intende fornire uno strumento di semplice utilizzo, riportando le informazioni utili per le prime esigenze a supporto delle imprese”.

Anche il “passaporto verde”, pur con la complessità di applicazione, dimostra la prossimità e l’utilità della politica comune europea!