mercoledì, Aprile 24, 2019
Home > Cultura e Musica > Nuovo appuntamento con "Le musiche dell'anima"

Nuovo appuntamento con "Le musiche dell'anima"

E’ variato l’orario del concerto previsto, sabato 3 settembre, a Loano, nell’Oratorio N.S. del SS. Rosario. La serata musicale, inserita nella rassegna “I Concerti dei Turchini”, organizzata dalla Confraternita delle Cappe Turchine con il contributo dell’Assessorato al Turismo e alla Cultura del Comune di Loano, prenderà il via alle ore 20.30, e non come annunciato alle 21.00. Il nuovo appuntamento con “Le musiche dell’anima” propone il concerto “Ave Maria – Affetti nella musica sacra del Seicento”, eseguito da Claudine Ansermet (Soprano) e Paolo Cherici (Arciliuto).

Il Seicento è un’epoca in cui, nella filosofia e, ancor più, nella spiritualità, agli affetti viene riconosciuto un posto e un ruolo importanti, che successivamente si affievoliranno, per essere riscoperti in nuova chiave nell’appena trascorso Novecento. Un potente catalizzatore di affetti è, in questa temperie, la figura di Maria. Celebrata come simbolo di fede e integrità, anche in campo musicale Maria è stata frequentemente fonte di ispirazione di opere di altissimo livello: basterà citare il Vespro di Claudio Monteverdi, che si erge come uno dei massimi capolavori dell’intera storia della musica. Analogamente a quanto si verifica nelle arti figurative, Maria viene cantata nei ruoli consacrati dalla tradizione religiosa con una generosità di intenti che, in particolare nel primo Seicento italiano, trova accenti e risorse espressive sorprendenti. I brani che saranno presentati nel concerto riprendono le consuete tipologie mariane: la Vergine col bambino che presagisce il dramma della passione (la Ninna nanna di Merula), la Vergine ai piedi della croce (Pianto della Madonna di Monteverdi), La Vergine che sconfigge Satana (Mortales plaudite di Cherici), la Vergine in gloria (Congratulamini Filiae Sion di Legrenzi), con l’antifona conclusiva Alma Redemptoris Mater di Monferrato che esprime un momento di invocazione e lode alla Vergine. Il programma proposto metterà in rilievo come la devozione mariana costituisca uno dei temi portanti della produzione musicale del Seicento. I brani vocali saranno intercalati da composizioni strumentali allo scopo di consentire un inquadramento più complessivo dello stile musicale dell’epoca. Claudine Ansermet e Paolo Cherici sono attivi sia come duo che singolarmente sulla scena concertistica internazionale. Hanno collaborato con importanti ensembles quali Hesperion XX, Elyma, Mala Punica, Accademia Bizantina, Cappella della Pietà dei Turchini, i Barocchisti di Lugano, Cappella Ducale di Venezia, Academia Montis Regalis ecc., partecipando ai più rinomati festival e rassegne di musica antica in Italia e all’estero. Come duo si dedicano in particolare all’approfondimento di repertori specifici coltivati in Italia e Francia dal Rinascimento al Barocco, quali il madrigale e la chanson, la monodia accompagnata e l’air de cour. I loro concerti sono accolti dal pubblico con vivo entusiasmo. Le loro registrazioni sono considerate dalla critica internazionale come eventi nel repertorio per voce e liuto, ottenendo i massimi riconoscimenti. In particolare con il compact Soupirs Meslés d’Amour hanno ricevuto il prestigioso Diapason d’Or du Siècle. Questa incisione è considerata come la referenza per eccellenza dell’air de cour francese. Claudine Ansermet e Paolo Cherici insegnano in importanti istituti musicali (Conservatorio di Milano e Scuola Musicale di Milano) e in stages e master class (Fondazione Cini, Venezia – Urbino – Centre de Musique Baroque de Versailles – Erice, Sicilia ecc.).

IL concerto è ad ingresso gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *