lunedì, Luglio 15, 2019
Home > Cultura e Musica > Nuovo appuntamento del Teatro dell’Opera Giocosa

Nuovo appuntamento del Teatro dell’Opera Giocosa

Dopo “Il signor Bruschino” di Gioachino Rossini del 15 ottobre, questo fine settimana vedrà al teatro Chiabrera un nuovo appuntamento della stagione lirica autunnale del Teatro dell’Opera Giocosa: “Il Cappello di paglia di Firenze” di Nino Rota. L’evento di sabato 12 novembre, ore 20.30, e domenica 13, ore 15.30 (anteprima scuole giovedì 10), è su libretto di Rota ed Ernesta Rinaldi, dalla commedia “Le Châpeau de paille d’Italieh di Eugène Labiche e Marc Michel. Quattro atti portentosi, ammalianti, che videro la luce la prima volta il 21 aprile 1955 al teatro Massimo di Palermo.

Vediamo la trama. Vèzinet, uno zio dell’amata Elena, ha appena portato a Fadinard, come regalo di nozze, una cappelliera, ed ecco che si sente raccontare dal futuro sposo quanto di strano gli è appena successo. Il suo cavallo, proprio quel giorno, s’è mangiato il cappello di paglia di una giovane donna, Anaide, nel momento in cui questa era con l’ufficiale Emilio. Per non far insospettire il marito di lei, occorre un nuovo cappello, identico al precedente: questo chiedono i due amanti che raggiungono Fadinard nel suo appartamento; altrimenti Emilio lo sfiderà a duello. È panico per il protagonista: mentre gli invitati si recano in municipio, lui lascia i due in casa sua e va in cerca del cappello. Cominciano le ricerche a perdifiato.

Scopre che uno è appena stato venduto alla baronessa di Champigny, si sposa, e si precipita dalla baronessa. Questa ha organizzato un ricevimento in onore del grande violinista Minardi, lo confonde con lui e si sente chiedere del cappello. Dietro a Fadinard, però, giungono anche i parenti degli sposi, che immaginano di essere giunti al banchetto delle nozze, e faranno piazza pulita di ogni cibaria. Quando arriva Minardi la confusione sarà totale. Intanto Fadinard scopre che il cappello la baronessa non l’ha più: l’ha regalato alla nipote. Fadinard, con Elena, va alla ricerca della signora Beaupertuis, il corteo nuziale li segue, la tensione è alle stelle.
Intanto, il marito di Anaide, gelosissimo, non si capacita dell’assenza della moglie. Arriva Fadinard che gli domanda della signora e del suo cappello di paglia e, non potendo aspettarla, cerca il cappello in tutte le stanze. Dietro Fadinard ci sono suocero e invitati, un po’ brilli in particolare il primo, che crede d’essere giunto nel nuovo appartamento degli sposi e invita il corteo ad entrare. Allora occorre calmare il marito furente: dalle parole di Fadinard, però, egli arriva a sospettare che la giovane donna del racconto sia proprio la moglie. Fadinard corre al suo appartamento, lo seguono il corteo nuziale e il marito geloso, pistola alla mano (e tutti gli spettatori col fiatone!, pure loro a correre…).
L’ultimo atto si svolge in una piazza, di notte. Il suocero Nonancourt ha scoperto che nell’appartamento di Fadinard è nascosta una signora, che crede sia un’amante di lui, quindi è deciso a mandare all’aria il matrimonio. Intanto Fadinard ha seminato il marito geloso, e viene a scoprire che nella cappelliera dello zio Vézinet c’è un cappello di paglia di Firenze, proprio come quello tanto cercato!, e che viene dato finalmente ad Anaide. Tutti gli invitati, stanchi, stremati, hanno raggiunto la piazza, e con tanto rumore viene allertata la polizia, che arresta tutti. Gli ultimi istanti ci regalano Fadinard che abbraccia la moglie e gli invitati rimessi in libertà.
Allestimento della Fondazione Lirico Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari, realizzazione in coproduzione con i Teatri del Circuito Lirico Lombardo, Teatro dell’Opera Giocosa e Teatro Sociale di Rovigo. Giovanni Di Stefano dirigerà l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, Coro Aslico del Circuito Lombardo (Maestri Antonio Greco e Diego Maccagnola). Leonardo Cortellazzi (Fabrizio Paesano) sarà il protagonista ‘Fadinard’, Domenico Colaianni ‘Nonancourt’, Marianna Vinci ‘la baronessa di Champigny’, Manuela Cucuccio (Annamaria Sarra) ‘Elena’/’Anaide’, Filippo Fontana ‘Beaupertuis’, Simone Alberti ‘Emilio’, Stefano Consolini ‘lo zio Vezinet’/’il visconte Achille’, Silvia Giannetti ‘la modista’, Roberto Covatta ‘Felice’. Regia di Elena Barbalich, scene e costumi di Tommaso Lagattolla, light designer Michele Vittoriano.
La biglietteria del teatro di piazza Diaz avrà i seguenti orari: da lunedì a sabato ore 10-12 e 16-19, nonché un’ora prima dello spettacolo; oppure direttamente on line su: www.operagiocosa.it. Info: 019 8485974.
Nella foto, Cortellazzi in un’immagine d’archivio.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *