domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Attualità > Occhi, attenti alle allergie di stagione

Occhi, attenti alle allergie di stagione

occhiOcchi luminosi, occhi tristi, occhi che ridono, come sarebbe bello se fossimo capaci a  guardare con gli occhi dell’innocenza, da bambini, essere contenti del nostro essere. Gli occhi comunque sono una finestra per i nostri sentimenti, uno specchio della nostra anima. Per capire quanto un occhio sia delicato basta pensare ad un vecchio detto “gli occhi si possono toccare solo con il gomito” (non vanno toccati)!) e fare una semplice constatazione: se una ciglia cade su un dito della mano non ci accorgiamo di nulla,  ma se cade in un occhio dà un bel fastidio. Occhi verdi, azzurri, scuri e occhi rossi. Le prime sono sfumature naturali  le ultime denotano invece uno stato infiammatorio dovuto a presenza di un corpo estraneo, sole, stanchezza, inquinamento (smog, polvere), e spesso si associa a lacrimazione. Gli occhi spesso mandano segnali, si lamentano bruciore, prurito, vista appannata La causa potrebbe essere  dovuta a carenza di lacrime. Colpisce soprattutto le donne, soprattutto dopo la menopausa o in gravidanza, per le alterazioni della situazione ormonale, gli anziani e di notte . Nel riposo due fattori concorrono l’aumento della secrezione ma soprattutto la diminuzione  di “ammiccamento” movimento delle palpebre utile a sollecitare la formazione delle lacrime. Si può aiutare, sopperire con lacrime artificiali ;meglio  comunque con parere medico di famiglia e se del caso  di specialista. Anche gli occhi dei bambini possono presentare disturbi, vanno osservati, controllati. Appena nati, i bambini vedono poco, per nutrirsi  riconoscono la mamma un pò dai tratti  e molto dall’odore , hanno una memoria olfattiva. Importante sapere che anche un difetto visivo ha buona probabilità di essere ereditario, quindi trasmesso dai genitori e di lì bisogna partire nella prevenzione. Quando è giusto fare la prima visita ? Nello sviluppo, la corteccia visiva si attiva da 4 a 8 anni, questo è il periodo migliore per osservare, controllare. Primo esame della vista che i genitori possono fare al bambino,è quello di osservare  se per guardare un oggetto esempio  TV (luminosità in movimento che tanto  attira) mette la testa in un certo modo (inclinato, ruotato) Ai bimbi la televisione piace che si avvicinano troppo, tanto che se potessero entrerebbero dentro. Dopo come gioco far chiudere prima un occhio poi l’altro magari cambiando oggetto e farsi descrivere che vede. Serve captare i segnali( se un bimbo si sfrega sovente gli occhi), parlarne con il pediatra e insieme, vedere se del caso con uno specialista.

 Pino Rosso

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *