martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Sport > Oggi, fare dello sport sta diventando un lusso

Oggi, fare dello sport sta diventando un lusso

C’è da chiedersi veramente come facciano i piccoli sodalizi sportivi, oggi, a tirare avanti, come si suol dire “la carretta”. In realtà è una carretta che perde sempre più i pezzi e le cui ruote ormai, anziché rotonde, sono diventate quasi quadrate. È pur vero che la vecchia dirigenza – vero zoccolo duro dello sport italiano – regge ancora grazie alla passionaccia e all’esperienza consumata, ma è altrettanto vero che le ultime generazioni non stanno più fornendo un cambio adeguato.

In pratica, sono sempre i soliti pochi “vecchi” dirigenti a consentire che le realtà sportive non foraggiate e non sponsorizzate riescano ancora a fare attività fornendo ai giovani e alle loro famiglie un servizio qualitativamente e quantitativamente più che accettabile. Sulle famiglie ci sarebbe da dire e obiettare che, troppo spesso, esse non comprendono affatto gli enormi e incredibili sacrifici che vengono fatti dalle società per consentire ai loro figli di fare dello sport: famiglie sempre più esigenti, troppo desiderose che i loro figli emergano dall’anonimato, e sempre meno disposte ad aiutare il club con il versamento della inevitabile quota associativa, senza la quale risulterebbe impossibile svolgere una qualunque attività e che – comunque – non basta certamente a risolvere i gravi e sempre peggiori problemi economici dei sodalizi sportivi. Occorre vestire la squadra e vestirla bene con le magliette nuove, le borse, le tute e quant’altro serva a fare bella impressione e bella figura. Ma i soldi per tutto questo dove sono? La crisi economica che sta ormai coinvolgendo e devastando l’Italia intera si è catapultata anche sulle società sportive, certamente quelle dilettantistiche, che sono le più indifese e le meno aiutate dagli enti locali che, ormai, hanno quasi completamente depennato i piccoli contributi economici che venivano elargiti in supporto all’attività sportiva svolta. Ecco, allora, che Regione Liguria, Province etc, hanno cancellato in via definitiva questa voce di contributi allo sport in un momento in cui il massimo ente sportivo italiano, ovvero il Coni, sta attraversando uno dei peggiori momenti dalla sua nascita voluta dall’indimenticabile avvocato Giulio Onesti. Coni che, con la chiusura incredibile delle delegazioni provinciali, ha, purtroppo, staccato ogni contatto con le società sportive che, negli anni addietro, avevano ricevuto aiuti economici almeno incoraggianti a gratifica della loro attività società svolta nello sport. I recenti pesanti aumenti deliberati dalle amministrazioni comunali e dalla provincia anche in merito all’utilizzo delle palestre scolastiche e degli impianti sportivi stanno a dimostrare che la gestione stessa dei luoghi dove si svolge lo sport è sempre più costosa e a farne le spese sono sempre e solo le società sportive. Che fare? Gravare sempre più sulle famiglie imponendo a esse nuovi e più onerose iscrizioni da pagare alle società? Le federazioni sportive, peraltro, non fanno che aumentare anch’esse le tasse ai sodalizi essendo anch’esse in brutte acque non ricevendo più dal Coni centrale i contributi sufficienti. Nelle periferie la situazione è ormai gravissima: comitati regionali e provinciali di molte federazioni sono al limite dell’inoperatività non avendo fondi nemmeno per l’ordinario lavoro d’ufficio. Ma allora dov’è lo “sport per tutti” o “lo sport di tutti” di cui si sente molto parlare in inutili convegni o assemblee improvvisate? L’amara realtà è che lo sport sta diventando un beneficio appannaggio di pochi intimi, per cui lo si potrebbe definire quasi un lusso! Gli enti di promozione sportiva vivono e sentono questo problema in maniera intensa e pienamente consapevole, ma anch’essi abbisognerebbero di ben altri aiuti e sovvenzioni per soddisfare anche minimamente le vere esigenze dello sport locale. E non vogliamo certo parlare, in questi momenti che stiamo vivendo, dell’impiantistica sportiva, di nuovi impianti o di nuovi palasport: è già ben difficile tenere in piedi l’esistente, finchè c’è e finchè dura!

Carlo Colla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *