Home > Attualità > Oggi si vota per l’Europa

Un voto da italiani e da europei

Oggi si vota per l’Europa

Un voto da italiani e da europei

Oggi si vota per l’Europa, per continuare il cammino intrapreso negli anni 1950, a partire dalla costituzione della CECA – Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio – per l’integrazione europea, per proseguire nel cammino insieme, per la pace; e se in qual lontano 1951, quando a Parigi, il 18 aprile – la ricorrenza delle nostre storiche elezioni del 1948 – si firmò per un’Europa in cui le parole chiave erano ancora ” carbone” ed “acciaio”, oggi, nell’Europa estesa a quasi tutto il continente, seguendo il coraggio dei primi sei Paesi Fondatori, tra cui noi, – Germania, Francia, Italia, Belgio, Olanda, Lussemburgo – le sfide sono altre ma senza la nostra Unione non riusciremo a superarle; oggi le parole chiave quali sono? Tecnologia, ricerca, globalizzazione, velocità della comunicazione, finanza, deindustrializzazione, terziario? Sono passati decenni, qui siamo arrivati, e qui ancora insieme per quella che è stata recentemente definita.”la migliore idea della storia europea”: l’integrazione delle nostre economie e dei nostri paesi! E’ per quello che oggi votiamo: per rinnovare un Parlemento sovranazionale eletto da cittadini di 28 paesi, un’ esperienza senza precedenti, un’ esperienza iniziata 40 anni fa’, con le prime elezioni per il Parlamento Europeo, nel 1979, e di cui nè giornaloni, nè giornalini, nè telegiornali, sembrano averne nozione e ricordarlo come anniversario celebrativo, mentre si ricorda di tutto. Oggi votiamo per il Parlamento Europeo e per continuare a costruire l’Unione Europea, un cammino non facile, un cammino in salita e costellato di problematiche e di confronti ma un cammino insieme e, per citare alla nausea la famosa frase di Jean Monnet: “Mieux vaut se disputer autour d’une table qu’autour d’un champ de bataille”: “..è meglio scontrarsi intorno ad un tavolo che intorno ad un campo di battaglia”! Sembra che queste parole, oggi, che viviamo nelle pace e nella sicurezza, siano parole come tante, ed invece dovremmo riflettere maggiormente sul valore di esse! I capipopolo che dai loro manifesti annunciano “Prima l’Italia”, fanno finta di non capire, non ritengo che non capiscano veramente, e cavalcano un malessere che purtroppo è diffuso e motivato e che, anch’esso, è un problema comune! Prima l’Italia, beninteso, quando si è eletti a Roma e là si deve andare a governare a non a fare campagna elettorale per le prossime elezioni, nel caso queste europee, per le quali i litiganti attendono la loro gloria o la loro rovina, ma per l’Europa si vota, per l’Europa, senza che le “fake-news”, ormai divenute comune riferimento, quasi imprescindibili, per quanto fasulle, per giudicare eventi e prendere decisioni, possano scalfire ciò che all’elettore compete; la presente consultazione europea, con la coscienza di essere anche cittadini europei! Incombono sulle elezioni europee del 2019, per quanto tanti le definiscano fondamentali, essenziali, fatali,due parole – stupide – : populismo e sovranismo!  E’ il momento di dire, una buona volta che, per la Storia, il “populismo” è un movimento politico russo, da radicale a rivoluzionario, diffusosi, per l’azione di alcuni intellettuali, nella seconda metà del XIX Secolo; “sovranismo” dev’essere una parola inventata da qualche bello spirito che ha voluto dare una definizione ai leader tanto nazionalisti per la propaganda quanto comunitari quando si tratta di percepire contributi; c’è un terreno su cui non ha nessun senso parlare di rivalsa delle sovranità, come non c’è nessuna minaccia nei confronti delle sovranità nazionali stesse; nel momento in cui si è infatti aderito all’Unione Europea, si è firmato per accettare le “limitazioni di sovranità” che far parte dell’ Unione e rispettarne i trattati istitutivi comporta, diversamente non se ne fa’ parte; se si pensa che l’Unione Europea voglia togliere l’indipendenza ai Paesi che la compomgono si crede ad una delle tante “fake news” diffuse alla luce del sole! Ma non vale la pena insistere su ciò: un voto responsable e con la coscienza di ciò per cui si votà è l’auspicio cui dobbiamo affidarci, per quanto, stamattina, lucidamente, ed impietosamente, il collega Giusto abbia formulato un’analisi-ipotesi, di voto! Io preferisco pensare all’idea di De Gasperi, di Adenauer, di Schuman, tre leader cattolici, è ciò e bene sottolineare, due dei quali bilingui, nei loro rispettivi contesti, anche questo sarebbe opportuno mettere in evidenza, da cui il cammino è iniziato: loro sono ritenuti i “padri dell’Europa” ; forti della loro idea, siamo forti per continuare il cammino, il resto, al confronto, sono veramente e solo chiacchiere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *