giovedì, Novembre 14, 2019
Home > Cultura e Musica > Opera Giocosa, parte la stagione autunnale

Opera Giocosa, parte la stagione autunnale

Conferenza stampa il 29 settembre per la presentazione della Stagione autunnale dell’Opera Giocosa, già una novità di per sé, visto che abitualmente il programma previsto nell’ultimo trimestre dell’anno viene annunciato in primavera. Non così nel corso del 2011, quando i timori sull’arrivo delle sovvenzioni hanno impedito che venisse seguita la regola (a giugno, il Presidente dell’Opera Giocosa Tito Gallacci, aveva affermato che “un titolo era pronto” ma non era ancora opportuno pubblicizzarlo perché la stagione autunnale correva dei rischi…

Nel foyer del teatro Chiabrera, giovedì scorso, erano presenti: l’Assessore regionale Angelo Berlangieri (turismo, cultura e spettacolo), il sindaco di Savona Federico Berruti, il direttore artistico della Giocosa, M° Giovanni Di Stefano, l’ex assessore alla cultura di Savona, Ferdinando Molteni, ed il Presidente dell’Opera Giocosa, Gallacci. Primo ad intervenire il sindaco Berruti (per il ritardo causa traffico dell’assessore regionale Berlangieri), che ha messo l’accento sulla lirica di qualità che viene svolta nella nostra città al Chiabrera o al Priamàr, grazie all’entusiasmo di tutta l’organizzazione del nostro Teatro di Tradizione. “Chiudere un teatro – ha affermato il sindaco al termine del suo intervento – sarebbe un lutto (quasi) come chiudere un ospedale”. L’assessore regionale Berlangieri ha rammentato che le risorse del Fondo Unico per lo Spettacolo per l’anno 2012 sono state fortunatamente mantenute invariate rispetto al 2011. Tre, è stato ricordato, sono le istituzioni di interesse regionale (oltre all’Opera Giocosa, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo ed il Teatro della Tosse), ed i contributi che sono attesi per l’allestimento della stagione autunnale da parte della Regione saranno messi a punto nei prossimi giorni grazie ad una variazione di bilancio, mentre Berlangieri si è augurato il buon proseguio degli accordi con il Governo nazionale.  L’ex assessore Molteni ha rilevato come, nel corso degli anni, si sia assistito ad un miglioramento dei rapporti fra Amministrazione Comunale ed il Teatro di Tradizione, ed ha parlato di un bel cartellone autunnale, che aiuta a sconfessare il fatto che la grande opera si riduca, nella pratica, a riproporre sempre la solita decina di titoli. Nel suo intervento il Presidente Gallacci ha rimarcato come l’assessore regionale Berlangieri sia intervenuto per la prima volta a Savona in questa veste, ed ha parlato di un cammino faticoso e tortuoso per la realizzazione degli ultimi cartelloni, passando dai ventilati tagli al Fus del 40% sino alle difficoltà insorte in Regione a mantenere quel contributo che l’Opera Giocosa si attendeva. “Il pubblico di Savona è un pubblico attento e che ‘si muove’ – ha dichiarato infine Gallacci -, non gli si può rifilare lirica ‘ad un tanto al chilo’, come da tante parti succede”. “Sarebbe già molto – si è auspicato il Presidente – poter contare sui finanziamenti 2012”. Infine uno sguardo alla stagione estiva, definita ‘sostanziosa’, ed un ringraziamento in particolare alla Fondazione De Mari, senza la quale da tempo ci si sarebbe fermati. Al M° Di Stefano il compito di illustrare il calendario, parlando della fatica e del ‘guadagno’ di fare coproduzioni a sei (come nel caso dell’Opera di Nino Rota: Cremona, Brescia, Pavia, Como, Rovigo e Savona).  Il primo appuntamento sarà sabato 15 ottobre, ore 20.30 (venerdì 14, anteprima per le scuole), con “Il Signor Bruschino”, farsa giocosa per musica in un atto, musica di Gioachino Rossini (libretto di Giuseppe Foppa), con cui si giunge alla realizzazione di tre fra le cinque farse del musicista (ancora, in futuro, vedremo: “L’inganno felice” e “La scala di seta”, dopo le già rappresentate: “L’occasione fa il ladro” e “La cambiale di matrimonio”). L’allestimento del Teatro dell’Opera Giocosa è stato definito “innovativo”. Orchestra Sinfonica di Savona diretta dal M° Giuseppe La Malfa, regia e scene di Elisabetta Courir. Sul palco: Linda Campanella, Matteo Peirone, Francesco Marsiglia, Simone Del Savio, Raffaele Feo, Sara Nastos e Gianmaria Patrone. Secondo appuntamento sarà sabato 12 novembre, ore 20.30, e domenica 13, ore 15.30 (anteprima scuole giovedì 10), con “Il cappello di paglia di Firenze”, farsa musicale in quattro atti, con musica di Nino Rota (nel centenario della sua nascita). Il direttore artistico ha ricordato il valore del compositore (scomparso nel 1979), che ha giustamente definito come uno dei più grandi del ‘900. Rota perse l’Oscar per la musica del ‘Padrino parte I’, ha ricordato Di Stefano, perché non era inedita, ma l’ottenne con la colonna sonora del ‘Padrino parte II’. Coproduzioni Teatri del Circuito Lirico Lombardo, Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, Teatro Sociale di Rovigo, nuovo allestimento, definito “futurista” dal M° Di Stefano, della Fondazione Lirico-Sinfonica Petruzzelli e Teatri di Bari. Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta dal M° Di Stefano, Coro Aslico del Circuito lirico-lombardo (Maestri Antonio Greco e Diego Maccagnola), regia di Elena Barbalich, scene e costumi di Tommaso Lagattolla. Sul palco: Leonardo Cortellazzi, Fabrizio Paesano, Domenico Colaianni, Marianna Vinci, Manuela Cucuccio, Anna Maria Sarra, Filippo Fontana, Simone Alberti, Stefano Consolini, Silvia Giannetti e Roberto Covatta. Un’opera bellissima, travolgente, come le migliori trame di Eugène Labiche, da “Le Châpeau de paille d’Italie” di Labiche e Marc Michel. Occhio a quello che ‘vi passa sotto il naso’ e occhio a chi sarà il ‘fortunato’ musicista che interpreterà ‘Minardi’; lasciatevi abbracciare dalla musica e dalla trama, così da rimanere senza fiato anche voi, come tutti coloro che correranno dietro allo sposo, per tutta Parigi…  Infine, sempre dal M° Di Stefano, sono stati illustrati anche gli eventi collaterali: al foyer del teatro Chiabrera, ad ingresso libero, conferenze illustrative sulle opere in programma in collaborazione con l’Associazione musicale Rossini, dal titolo “Su il sipario!”.

Giovedì 6 ottobre, ore 21, “Nel teatro del gran mondo”, conversazione con Di Stefano e Gustavo Malvezzi per la farsa rossiniana. Giovedì 10 novembre, stessa ora, “Tanto di cappello”, con Di Stefano per la farsa di Rota.
Inoltre, attività didattiche per le scuole, giovedì 6 ottobre e giovedì 3 novembre, sempre alle ore 16. Cosa c’è dietro un’opera lirica? Ce lo spiegheranno Malvezzi e Maurizio Sguotti nel loro “Viaggio dietro le quinte con gli studenti”. Info: www.operagiocosa.it

Laura Sergi

Nella foto: Di Stefano, Berlangieri, Berruti, Gallacci, Molteni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *