domenica, Marzo 24, 2019
Home > Cronaca > Opere incompiute in provincia di Savona

Opere incompiute in provincia di Savona


di - 7 Luglio 2015, 16:35

park noliE’ stato pubblicato, con qualche giorno di ritardo, l’aggiornamento dell’Anagrafe delle Opere pubbliche Incompiute di interesse nazionale. L’elenco, che avrebbe dovuto essere compilato sull’apposito sistema entro il 30 giugno 2015 dalle Regioni e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti si riferisce alle opere incompiute al 31 dicembre 2014. 
Manca attualmente l’elenco delle opere della Regione Siciliana, in corso di stesura, mentre la Provincia autonoma di Trento segnala di non avere opere incompiute. A oggi, quindi, risultano 649 le opere pubbliche che non sono state completate, in diminuzione rispetto a quelle indicate lo scorso anno (692), ma si tratta di un numero destinato ad aumentare con i dati della Sicilia, dove le incompiute al 31 dicembre 2013 erano 67. “Ora dobbiamo andare oltre la stesura dell’elenco – ha sottolineato il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Graziano Delrio – e istituire a cura del Ministero un’apposita task force che, così come avvenuto con l’Agenzia della Coesione per i Fondi europei, segua punto per punto le opere meritevoli di essere completate”.
Per quanto riguarda la Liguria, va subito osservato che la situazione appare nettamente migliorata, dal momento che le 18 opere incompiute segnalate dalle amministrazioni locali a fine 2013 si sono ridotte a 11 alla stessa data dell’anno successivo. In particolare la provincia di Savona denuncia due sole opere pubbliche ancora da completare: l’intervento di sistemazione idraulica alla foce del Torrente Quiliano, dove alla fine dello scorso anno lo stato di avanzamento lavorai era attestato al 46,88% con circa 260 mila euro di lavori ancora da impegnare, e, a Noli (nella foto), il parcheggio interrato di via IV Novembre, realizzato con project financing, il cui stato di avanzamento alla fine dello scorso anno era al 40,41%, con spese da sostenere per ulteriori 4 milioni 800 mila euro. Il problema, in entrambi i casi, è che si tratta di opere che erano state segnalate come incompiute, allo stresso livello di esecuzione, già nel 2013.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *