sabato, Agosto 17, 2019
Home > Cronaca > Ora si muore anche in ambulanza

Ora si muore anche in ambulanza

ambulanzaNon c’è giorno che i “Media” ci danno notizie sconvolgenti, inaccettabili, allucinanti, ignobili, frutto di una società che ormai ha toccato più che il fondo e che dimostra di non aver assolutamente più rispetto per le sofferenze dei malati e per la vita altrui. Solamente negli ultimi mesi sono decedute decine di persone che, portate in ambulanza negli ospedali non hanno trovato accoglienza e non hanno potuto essere immediatamente ricoverati per mancanza di posti-letto o di attrezzature in grado di provvedere alle loro patologie. Ospedali che, in poche parole, hanno rifiutato il ricovero prendendosi il solo mal di pancia di prendere contatto telefonico con altri nosocomi per vedere se ci sia un letto disponibile: spesso il giro delle telefonate diventa lungo con i minuti che scorrono inesorabilmente a condanna del povero disgraziato che, sul lettino dell’ambulanza, viene traslocato da un ospedale all’altro nel disperato tentativo che qualcuno possa prendersi cura di lui. Nella maggioranza dei casi, quando il “buco” viene trovato, il malato è passato a miglior vita. La solita notizia che fa scalpore, le solite interviste ai familiari distrutti ed affranti per quanto è accaduto, le solite interviste ai medici e responsabili ospedalieri che, guarda caso, non hanno mai torto, le solite aperture d’inchieste e dei fascicoli di cui, poi, non s ne sa più nulla e che finiscono nell’oblio e nel dimenticatoio di una giustizia che, a volte, giustizia proprio non è! Un bel funerale e tutto finisce lì, come si suol dire…all’italiana! Sapete, mi sono sempre domandato come reagirei io se fosse un mio diretto familiare, un figlio, un parente stretto a cui si vuol bene, a vivere questo tipo di esperienze. Starei a guardare, accetterei tutto? Aspetterei che la giustizia facesse il suo corso per poi avere risposte evasive dove tutti hanno ragione? Probabilmente no, non aspetterei! Mi verrebbe voglia di dire che il primo istinto sarebbe quello di farsi giustizia da solo, ma non lo dico perché è poco conveniente e perché verrei additato come un incivile. Incivile io? O incivili tutti coloro che hanno lasciato morire quel povero cristo sbarazzandosi dell’incomodo e trasferendolo a come un pacco postale da un ospedale all’altro? Guarda caso, per queste nefandezze e veri crimini non paga mai nessuno. Non pagano i medici, non pagano gli alti dirigenti degli ospedali o i managers delle A.S.L. Si dà la colpa al fato, al destino, alla malasorte, all’effettiva e reale mancanza di un letto in un reparto attrezzato, cosa quest’ultima peraltro facilmente documentabile. Intanto il bambino, l’anziano, l’essere umano, la centro dell’inchiesta è morto per assoluta mancanza di tempestività nel venire incontro ai suoi problemi. Quando poi viene appurato e dimostrato che, con un intervento immediato, quella vita sarebbe potuta essere salvata, allora la rabbia, la costernazione, l’odio sale alle stelle. Non esiste rassegnazione possibile! Una domanda mi sembra essere più che legittima: di chi è stata la colpa, di chi è la responsabilità di queste che io definirei un vero e proprio omicidio? Vorrei che qualcuno fosse in grado di rispondermi, anche se mi rendo ben conto che ogni caso va analizzato singolarmente e che non può esserci un denominatore comune uguale per tutti. O forse sì! Un denominatore comune c’è e può essere individuato nella pochezza e nell’inefficienza cronica della nostra sanità che spesso è capace di raggiungere livelli infimi e degradanti, tanto da fare la morte a chi, invece, poteva essere salvato. Si apre, a questo punto, un dibattito ed una discussione che durerebbe intere giornate. I medici dicono di essere in pochi e sobbarcati di lavoro: questo è pur vero! Non si posso dividere in quattro e non hanno il dono dell’obiquità. Gli ospedali più di tanti posti letto e non hanno e non possono ricoverare pazienti oltreché nei corridoi anche nei servizi igenici. Questo è altrettanto vero. Per certe gravi patologie occorrono reparti particolarmente attrezzati con idonei macchinari e con personale medico altamente qualificato e specializzato: anche questo corrisponde a verità. Trovate tutte queste apparenti giustificazioni, è logico morire in una ambulanza senza che nessuno possa fare nulla? Pensiamoci un po’ bene. Un giorno, speriamo mai, ognuno di noi si potrebbe trovare ad essere il “diretto interessato” ed allora come la mettiamo? Bisognerebbe iniziare a non pagare più le tasse ad un governo che, oltre che non proteggerci, non è capace nemmeno di tutelare la nostra salute, che è sacra sopra ad ogni cosa! La giustizia italiana dovrebbe far pagare fino in fondo chi ha sbagliato dando le responsabilità che ognuno ha e che troppo spesso è capace di nascondere con l’aiuto di avvocati immorali e compiacenti. Bisognerebbe infine che la gente imparasse a farsi sentire meglio ed in maniera più energica e decisa e non limitarsi ai soliti inutili e ben poco produttivi commenti su una malasanità che è sotto gli occhi di tutti. Ormai, noi italiani abbiamo imparato ad ingoiare di tutto, ad accettare le situazioni più assurde ed incredibili, a sopportare tasse ed angherie di ogni genere: non abbiamo ancora imparato lottare e a farci ragione con chi non tutela la nostra salute fisica ed integrità. No! Questo non possiamo e non dobbiamo accettarlo! Diamoci una mossa ed una svegliata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *